Pronti a rivoluzionare il trasporto fluviale nella capitale francese, i Sea Bubble, più economici di un taxi, saranno in grado di attraversare Parigi in 15 minuti. Un’innovazione capace di combinare rispetto ambientale e fattibilità economica.

A Parigi i Sea Bubble, piccoli taxi elettrici, ideati dal velista Alain Thébault e dal surfista svedese Anders Bringdal,  dovrebbero attraversare la Senna già dalla prossima primavera: pronti a rivoluzionare il trasporto fluviale riducendone traffico impatto ambientale.

I primi prototipi di Sea Bubble presentati a dicembre sono in grado di trasportare sino a quattro passeggeri, più un pilota, raggiungendo circa i 15 km/h. La ridotta velocità di navigazione evita qualsiasi produzione di moto ondoso, nel rispetto della sicurezza di eventuali altre imbarcazioni presenti lungo il fiume.

taxi

Alimentate con dei pannelli solari, ricaricabili anche dalle oramai classiche colonnine in condizioni climatiche avverse, garantiscono un’autonomia di circa 100 km. I successivi esemplari dovrebbero poter fare a meno del pilota, aumentando quindi lo spazio disponibile per i passeggeri.

I due motori elettrici delle Sea Bubble, nelle intenzioni di Alain Thébault e Anders Bringdal, saranno in grado di proporre dei viaggi ad impatto zero alleggerendo il traffico nella zona della Senna che affligge Parigi. Inoltre, per migliorarne l’efficienza ed allungarne l’autonomia, le ali sotto la barca solleveranno il veicolo dall’acqua, riducendo in modo significativo la resistenza. La piccola bolla potrà galleggiare a circa 70 centimetri al di sopra della superficie del fiume.

L’idea ha subito incontrato il beneplacito del governo francese che ha investito, insieme ad alcune aziende come Tesla, Google e Uber, circa 500 mila euro. Per fine febbraio è prevista l produzione dei primi cinque prototipi che dovrebbero essere poi testati in primavera. In caso di successo il governo francese è pronto ad affidare a Thébault un secondo investimento per aumentare il numero di Sea Bubble. I più ottimisti parlano di circa 5000 esemplari: una rivoluzione immensa nel trasporto fluviale di Parigi.

Parigi
Alain Thébault, Anders Bringdal
e un prototipo Sea Bubble
Crediti Sea Bubbles

Il progetto ha già riscosso grande successo, grazie anche a dei prospetti economici molto interessanti: biglietti accessibili, produzione a costi contenuti e rispetto ambientale ed energeticamente vantaggioso. Addirittura 100 investitori sembrano aver manifestato interesse ad acquistare il proprio Sea Bubble, il proprio taxi volante personale.

Inoltre recentemente Thèbault ha incontrato a New York alcuni investitori interessati ad acquistare circa 1.500 esemplari di Sea Bubble da far volteggiare lungo le coste della Florida. Un’idea semplice, un altro passo verso le città del domani.

Francesco Spiedo

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’Atlas of Beauty passa da Napoli
Articolo successivoApple Academy targata Unisa, al via i Corsi
Sangiorgese classe ’92, istruttore di Kung-Fu e laureato in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio. Ha pubblicato racconti sparsi e romanzi misti, ama la definizione scrittore emergente e guai a chiamarlo esordiente. Frequenta il corso annuale a Belleville – La scuola con la speranza di entrare nella vecchia e cara Repubblica delle Lettere. Nel frattempo scrive per la testata giornalistica online Libero Pensiero, occupandosi principalmente di ambiente, e collabora con Bookabook, senza apparenti meriti letterari.