Come ogni anno, la Campania si prepara a festeggiare il Carnevale: maschere, travestimenti, stelle filanti e coriandoli sono pronti a irrompere sulla scena di due paesini napoletani che aspettano e si preparano all’evento tutto l’anno: Palma Campania e Saviano.

Carnevale è la festa dell’allegria per eccellenza: adulti, bambini e giovani di ogni età sono in attesa di confluire nelle strade e ammirare le sfilate e le parate che si potranno ammirare nelle strade dei loro paesini. Musica, profumi, colori e la complicità dell’aria primaverile: Saviano e Palma Campania, le due cittadine vesuviane, sono in attesa di celebrare il Carnevale.

La storia di questa festività risale alla notte dei tempi: il termine Carnevale deriva probabilmente dal latino carnem levare che letteralmente significa “privarsi della carne”, ed è in riferimento all’ultimo banchetto che si teneva il martedì grasso, a cui seguiva il mercoledì delle ceneri che apriva il periodo di Quaresima, caratterizzato da periodi di digiuno e astinenza.

Ma non tutti sanno che nel vesuviano sono due i paesi che con ansia attendono di festeggiare il martedì grasso: Palma Campania e Saviano.

Il Carnevale di Saviano nasce nel lontano 1979, quando il maestro Nicola Strocchia con l’aiuto di Radio A.R.C.I. creò un carro chiamato “Masaniello” ; ma il “battesimo” avvenne soltanto nel 1982, quando viene istituita la valenza sociale, culturale e folkloristica delle manifestazioni carnevalesche. Con gli anni, lo spirito della festa ha cominciato a coinvolgere  le persone di tutte le età che si mascherano e scendono tra le strade ad ammirare i 12 carri che ogni anno sfilano in splendide parate. I carri savianesi hanno quindi una storia pluridecennale: ricorre infatti quest’anno la 39° edizione. Essi vengono posizionati nel circuito del Centro Storico e partono insieme per sfilare. Ma a Saviano è nata un’associazione di artigiani per la costruzione dei carri allegorici: gli artigiani con carta pesta, ferro, legno, polistirolo, uniscono idee, genio e creatività per dare vita ad un vero e proprio spettacolo da vivere e da ammirare, e sono pronti a gestire la quiete e la buona riuscita, affinché tutti possano divertirsi tra le maschere e la musica del carnevale savianese.

Carnevale, Saviano, Palma Campania
Carnevale di Saviano: carri allegorici

Gli appuntamenti che riguardano Saviano sono i seguenti:

Domenica 26 febbraio

  • ore 12.00-14.00: posizionamento dei Carri sul circuito
  • ore 15.00-24.00: prima sfilata dei 12 Carri Allegorici e gruppi mascherati al Circuito storico. Musica, coriandoli, stelle filanti caratterizzeranno l’intera serata.

Lunedì 27 febbraio

  • ore 19.00-24.00: serata gastronomica con Carri in piazza

Martedì 28 febbraio

  • ore 15.00-24.00: Gran sfilata dei 12 Carri Allegorici con ospiti.

Domenica 12 marzo

  • 20° Coppa “Carnevale Città di Saviano”

Anche Palma Campania vanta una festa particolare: la tradizione centenaria ha fatto sì che tra le strade sfilassero le 9 Quadriglie accompagnate da migliaia di figuranti che indossano costumi particolari e curatissimi e che suonano gli strumenti della tradizione partenopea diretti da un maestro, il quale con mimica teatrale coordina la sua banda disposta a cerchio. Ogni anno, ogni Quadriglia sceglie un tema attorno al quale preparare la propria esibizione . Le 9 Quadriglie ( Amici di Pozzoromolo; ‘A Livella; Gaudenti; MoNellì; Scugnizzi; Scusate il ritardo; Studenti; Teglanum; Tutta n’ata storia) sono pronte a realizzare uno spettacolo che sia un misto tra arte e folklore, passione e tradizione, con l’unico obiettivo di divertisti nella più sana e genuina competizione.

Carnevale, Saviano, Palma Campania
Carnevale di Palma Campania: sfilata delle Quadriglie

Anche per il Carnevale di Palma Campania gli appuntamenti sono numerosi: dal 20 al 25 febbraio tutti i figuranti sono impegnati nelle prove del canzoniere nel villaggio.

Domenica 26 febbraio

  • ore 15.30: grande sfilata delle Quadriglie: gli spettatori potranno ammirare le virtù cromatiche delle Quadriglie, i temi scelti, le coreografie e i fuochi d’artificio a fine serata.

Lunedì 27 febbraio

  • ore 19.30: “Il Passo delle Quadriglie”: la grande sfilata senza costumi per tutto il paese dopo l’ultima prova al Villaggio.

Martedì 28 febbraio

  • ore 15.30: sfilata delle Quadriglie e esibizione dei Canzonieri con assegnazione dei premi.

Quante maschere e sottomaschere noi indossiamo
Sul nostro contenitore dell’anima, così quando,
Se per un mero gioco, l’anima stessa si smaschera,
Sa d’aver tolto l’ultima e aver mostrato il volto?
La stessa maschera non si sente come una maschera
Ma guarda di fuori di sé con gli occhi mascherati.
Qualunque sia la coscenza che inizi l’opera
Sua, fatale e accettata sorte è l’ottundimento.
Come un bimbo impaurito dall’immagine allo specchio
Le nostre anime, fanciulle, rimangono disattente,
Cambiano i loro volti conosciuti, e un mondo intero
Creano su quella loro dimenticata causa;
E, quando un pensiero rivela l’anima mascherata
Esso stesso non va a smascherare da smascherato.

Arianna Spezzaferro