I calciatori del Lincoln City festeggiano il goal che gli permette di entrare nella storia dell’FA Cup

Premier League ferma e week-end completamente dedicato alle gare del quinto turno della FA Cup, la più antica competizione calcistica al mondo. Diverse le big scese in campo e tante, come al solito, le sorprese.

Il Chelsea di Antonio Conte impatta per oltre 60 minuti contro il muro difensivo innalzato dal Wolverhampton, squadra che milita in seconda divisione, prima di sbloccare il match con Pedro. A tempo scaduto la rete del definitivo 0-2 porta la firma del solito Diego Costa.

Bene anche il Manchester United, prossimo avversario proprio dei Blues nei quarti di finale della competizione, che supera in rimonta per 2-1 il Blackburn Rovers: ancora in goal Zlatan Ibrahimovic, giunto alla sua 24esima rete stagionale. Il derby di Londra tra Fulham e Tottenham se lo aggiudicano i Saints grazie ad un Harry Kane formato super, autore di una splendida tripletta. Fatica il Manchester City di Guardiola che sul campo dell’Huddersfield (terza forza della Championship) non va oltre lo 0-0 e sarà costretto a disputare il replay a campi invertiti. Continua invece il periodo nerissimo per il Leicester di Ranieri che perde 1-0 in casa del Millwall nonostante abbia giocato in superiorità numerica per oltre mezz’ora. Avanti anche un’altra squadra di Premier, il Middlesbrough che fatica più del previsto contro il modesto Oxford United prima di riuscire ad avere la meglio per 3-2. L’impresa di questo quinto turno di FA Cup è però quello del Lincoln United, club dilettantistico della quinta serie capace di espugnare il campo del Burnley all’ultimo istante e di scrivere la storia: il Lincoln è infatti la prima squadra dilettantistica a raggiungere i quarti di finale in 103 edizioni di questa competizione. Paradossalmente ad aggiungersi al Lincoln potrebbe esserci anche il Sutton United, altra squadra dilettantistica che questa sera, nel suo modesto impianto da cinquemila spettatori, affronterà i campioni dell’Arsenal in un altro derby tutto londinese.

Gareth Bale festeggia il suo ritorno al goal dopo un lungo infortunio

Due lampi di Alvaro Morata e di Gareth Bale permettono al Real Madrid di superare 2-0 l’Espanyol e di centrare la quarta vittoria consecutiva in campionato; le Merengues mantengono così il punto di vantaggio sul Barcelona con ancora due gare di campionato da recuperare. I Blaugrana, dopo essere stati presi a pallate in in Champions subito dal Psg, faticano clamorosamente al “Camp Nou” contro il modesto Leganés: il goal del vantaggio al 5′ di Messi lasciava presagire una comoda vittoria per gli uomini di Luis Enrique. Col passare dei minuti però la partita non è decollata e al 71esimo la clamorosa beffa, col pareggio firmato da Unai Lopez. Soltanto un calcio di rigore al 90esimo trasformato ancora dalla Pulce ha permesso al Barcelona di aggiudicarsi i 3 punti. Si conferma al terzo posto solitario il Siviglia che super per 2-0 l’Eibar. A -4 dagli uomini di Sampaoli c’è l’Atlético Madrid che travolge 4-1 lo Sporting Gijon: da segnalare l’incredibile record stabilito da Gameiro, autore di una tripletta in soli cinque minuti, la più veloce nella storia della Liga. Nello scontro diretto in zona Europa League tra Real Sociedad e Villarreal ad avere la meglio è il sottomarino giallo, che espugna l’ “Anoeta” per 1-0 grazie al goal al 94esimo di Castillejo. Bene anche il Valencia che si impone 2-0 sull’Athletic Bilbao con Nani e con la prima marcatura in terra spagnola di Simone Zaza.

Il Bayern Monaco festeggia il goal del pareggio arrivato al 96esimo

È il solito Robert Lewandowski a togliere le castagne dal fuoco e a regalare al Bayern Monaco al 96esimo un pareggio oramai insperato sul campo dell’Herta Berlino: padroni di casa avanti grazie al goal di Ibisevic al 21′ e bravi a difendere il vantaggio con le unghie e con i denti fino alla zampata vincente del polacco arrivata durante l’ultima azione del match. Approfittando del pari dei bavaresi il Lipsia si riporta a -5 in classifica, vincendo per 2-1 in casa del Borussia Mönchengladbach. Tre punti fondamentali anche per il Borussia Dortmund che travolge 3-0 il Wolfsburg e si riporta in terza posizione. In lotta per un piazzamento diretto in Champions League anche l’Hoffenheim, vittorioso per 2-0 sul fanalino di coda Darmstadt. Risale prepotentemente in classifica anche il Bayer Leverkusen (3-1 sul campo dell’Augsburg) che approfittando dei passi falsi di Herta, Eintracht Francoforte e Colonia è a soli 4 punti dalla zona Europa.

La rete di Bernardo Silva regala il pari al Monaco sul campo del Bastia

La sesta rete in campionato di Bernardo Silva regala al Monaco un importante pareggio sul campo del Bastia; la trasferta in terra corsica si è rivelata più difficile del previsto per i monegaschi, forse già con la testa all’impegno di domani sera in Champions League contro il Manchester City. Nonostante il buon numero di palle goal create la squadra di Jardim non è riuscita ad andare oltre il pari. Clamoroso stop anche del Psg che sciupa l’occasione di portarsi a -1 dalla vetta  ed in casa non va oltre lo 0-0 contro il Tolosa: i parigini sono apparsi lontani parenti di quelli che solo pochi giorni fa hanno disintegrato 4-0 il Barcelona. Ad approfittare del doppio passo falso di Monaco e Psg è stato invece il Nizza, corsaro per 1-0 sul campo del Lorient grazie al goal di Cyprien. Vittorie importanti in chiave Europa per Lione (4-2 al Dijon), Marsiglia (2-0 al Rennes) e Bordeaux (3-0 sul Guingamp). Frena invece il Saint Etienne, sconfitto 2-1 a Montpellier. Vittoria scacciacrisi, infine, del Lille che supera in trasferta il Caen e si allontana dalla zona calda della classifica.

Ugo D’Andrea

CONDIVIDI
Articolo precedenteBertolt Brecht raccontato su Radio 6 teca
Articolo successivoCarnevale 2017: da Palma Campania a Saviano
Ugo D'Andrea nasce a Piedimonte Matese (CE) l'11/10/1992. Sin da piccolo è appassionato di sport. Amante dei viaggi e del buon cibo. Studia Lingue e Letterature straniere presso l'Università "L'Orientale" di Napoli. Redattore e collaboratore presso il portale web "Calcio Estero News (CEN)".