Napoli – L’ostentazione con cui i neofascisti si stanno conquistando alla luce del sole uno spazio politico è un fatto pericoloso, com’è un’evidenza terribile che stiano lucrando questo consenso sulla pelle degli immigrati, alimentando una lotta tra poveri. Le ragioni di questa degenerazione sono molteplici: se da un lato vi è la crisi economica e politica, dall’altro vi è un indebolimento culturale che pensa all’antifascismo come reliquia del passato.

L’antifascismo è un valore intrinseco in una popolazione che da sempre, e ce lo conferma la storia, ha dimostrato la capacità di resistere dinanzi all’ascesa totalitaria. Napoli ancora oggi si colora di accoglienza e solidarietà. Lo scorso ottobre ha accolto 463 migranti e pratica, costantemente, pratiche di mutualismo dal basso.

L’11 Marzo il leader della lega nord, Matteo Salvini sarà ospite a Napoli nell’ambito di una manifestazione propagandistica.  “Abbiamo già programmato diverse iniziative a livello nazionale, una la faremo anche a Napoli, visto che quelli che parlano a vanvera di Sud non fanno nulla, vuoi vedere che poi saremo noi a fare qualcosa di concreto? A parole tutti si occupano dei giovani, delle imprese e delle problematiche del Sud, vuoi vedere che serva una forza nata a Nord per riuscire a dare finalmente una mano concreta ai milioni di cittadini e alle migliaia di ragazzi che dal Sud stanno scappando?”

A rispondere a tono è il primo cittadino Luigi De Magistris, dando luogo a un botta e risposta a mezzo social: “Le affermazioni di Salvini sono profondamente di impronta nazi-fascista, parlare di pulizia di massa e di andare a prendere le persone strada per strada, credo che evochi comportamenti criminali, oltre che razzisti e inaccettabili. Il suo è un linguaggio che fa vergognare – continua – metteremo in campo le iniziative adeguate davanti alle provocazioni di Salvini”.

Conclude: “Salvini non solo è contro gli immigrati. Salvini è quello che ha cantato i cori contro Napoli. Non solo è profondamente razzista, ma anche antimeridionale. Adesso gli conviene di più far vedere che è italiano e se la prende con chi è più a sud di noi. Noi stiamo provando a costruire ponti di dialogo, fratellanza e accoglienza rispetto ad un mondo oscurantista”.

Salvini ha così risposto al primo cittadino: De Magistris insiste su di me: ‘NAZIFASCISTA’, ‘RAZZISTA’, ‘COMPORTAMENTI CRIMINALI’! Da vero democratico quale sono, l’11 MARZO a NAPOLI, le porte del Teatro Mediterraneo saranno aperte anche per il sindaco. Non ho certo paura delle minacce e degli insulti di un chiacchierone di sinistra”.

Ma non è certo solo il sindaco a respingere la venuta della Lega. Si terrà giovedì 23 Febbraio alle 18.00 a Santa Maria la Nova (palazzo ex Provincia) un momento di confronto per costruire il contro-corteo che ha lo scopo di scacciare Salvini da Napoli. (Qui l’evento facebook)

Questo video ritrae il leader della Lega che nel 2009 durante la festa di Pontida intonò oltraggi al coro di “Senti che puzza, stanno arrivando i napoletani”, dimostrando di incarnare, nonostante le smentite di rito, pienamente la figura di neofascista, razzista e populista seminando odio.

Non molti giorni fa, durante un pranzo al Principe di Savoia, Matteo Salvini ha dichiarato: In autunno ci saranno i referendum per l’autonomia in Lombardia e in Veneto”.

Maria Bianca Russo

2 COMMENTI

Comments are closed.