La dieta macromediterranea è un particolare tipo di nutrizione che consiste nell’unione di alcuni principi della dieta mediterranea con quelli della dieta macrobiotica con l’obiettivo di ridurre il rischio glicemia, colesterolo e trigliceridi.

La prima caratteristica tipica di questa dieta è il favorire l’assunzione di farine semintegrali / integrali, biologiche e macinate a pietra. I ”cibi poveri” contengono fibra alimentare, considerata da molti il nutriente più importante per l’organismo. Tali prodotti, inoltre, richiedono minore lavorazione rispetto ai tradizionali e non comportano l’utilizzo di additivi chimici e sfruttamento del bestiame in pieno rispetto della natura.

Altra tipicità della macromediterranea sono i semi oleaginosiricchi di proteine, grassi, calcio e sali minerali e il forte utilizzo dello zucchero di canna, malto di cereali, succo di mela e frutta secca o cotta anzichè il tradizionale. Lo zucchero di canna ha un gusto più naturale e meno dolce rispetto allo zucchero bianco. Il grezzo presenta, inoltre, 15 Kcal in meno del lavorato e lo stesso valore energetico.

La dieta apre anche all’utilizzo delle “verdure del mare” poichè ricche di sali minerali. Le alghe sono una preziosa fonte di iodio, prezioso alleato contro i disturbi della tiroide e per favorire il naturale metabolismo dell’organismo e di calcio, ferro, zinco, rame, sodio, magnesio, potassio e fosforo.

In sintesi chi fosse interessato a seguire la dieta macromediterranea deve inserire nel proprio carrello della spesa cibi semplici, cibi preferibilmente non confezionati o altrimenti quelli con scadenza più vicina poiché meno trattati. Si consiglia la cottura al vapore dei cibi poichè l’ eccessiva cozione e un forte utilizzo dei condimenti modificano le proprietà energetiche dei cibi.

Grandi chef e medici consigliano vivamente la dieta macromediterranea. Per chi fosse interessato ad intraprendere questo percorso di vita consiglio la lettura del “Il cibo della gratitudine”, una guida alla cucina macromediterranea scritta dagli chef Simonetta Barcella, Titti Gemellaro, Elvira Lotti Matteotti, Silvia Petruzzelli e Rita Possemato e dai medici Franco Berrino, Luigi Fontana ed Enrica Bartolozzi.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteRione Sanità, Ivo Poggiani: “la camorra ha ripreso il controllo”
Articolo successivoTerribile episodio a Lusciano: arbitro donna picchiata da tifoso
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO