L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha reso noto che a partire dallo scorso 23 gennaio l’attività vulcanica dell’Etna si sta gradualmente intensificando.

Verso le 18.00 di ieri il vulcano siciliano ha generato una colata lavica nella zona sommitale a quota 2850 metri, fortunatamente non pericolosa per i residenti dell’area. Per tutta la nottata si sono verificate esplosioni e lievi fuoriuscite di lava nell’area che unisce il vecchio e il nuovo cratere a Sud Est apertosi nel 2015.

Gli abitanti di Zafferana e Lingualosa hanno segnalato la ricaduta di cenere, con molta probabilità trasportata dal vento. I cittadini di Catania e Taormina hanno potuto vedere a distanza l’attività vulcanica documentanta dalle telecamere dell’Ingv con l’obiettivo di monitorare il fenomeno. I tecnici di Etna Star nel corso della notte hanno effettuato diversi sopralluoghi per controllare la situazione.

I vulcanologi hanno definito l’attività stromboliana stabile dopo aver compiuto i dovuti accertamenti e tranquillizzato l’opinione pubblica : Dalle prime ore di questa mattina, l’ampiezza media del tremore vulcanico ha mostrato modeste fluttuazioni. Le deformazioni del suolo, acquisite dalle stazioni Gps ad alta frequenza di campionamento, e i segnali clinometrici, non mostrano variazioni significative associate all’intensificarsi dell’attività eruttiva.”

Lo scorso 15 dicembre si erano verificate le prime emissioni di ceneri. Fino al 23gennaio, data in cui si verificarono le prime esplosioni alte circa 10 metri, l’Etna non diede alcun segno. Dopo circa otto mesi ieri l’attività è ripresa in pieno regime, ma fortunatamente senza creare danni a persone e cose.

I vulcanologi dell’Ingv hanno reso noto un video dell’eruzione, poi pubblicato sul noto quotidiano nazionale ”Repubblica” e stanno tenendo la situazione sotto controllo. Il fenomeno ha già attirato molti turisti giunti nel catanese per assistere allo spettacolo. I voli da e per l’aereoporto Fontanarossa di Catania proseguono regolarmente e, a detta degli esperti, non c’è nessun pericolo per l’incolumità dei viaggiatori.

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerribile episodio a Lusciano: arbitro donna picchiata da tifoso
Articolo successivoAlmaviva Napoli: siglato l’accordo. Si è ceduto al ricatto
Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.