Lo spazio costitutivo dell’AvaNposto Numero Zero, dopo essersi dedicato alla musica nostrana e a spettacoli volti a denunce civili (come quello di Milano-via Padova incentrato sulla questione della diversità e della tolleranza), mercoledí 8 marzo alle ore 21.00, in occasione della Festa della Donna, andrà in scena lo spettacolo Feminalîa, per la regia di Francesco Luongo e con la direzione musicale di  Angelo Plaitano e Laura Cuomo.

La rappresentazione alternerà, unendo letteralmente sacro e profano, i testi di William Shakespeare, Raffaele Viviani e Salvatore Di Giacomo con quelli inediti di Gianfranco Gallo e Fabio Pisano, il tutto sempre grazie ad un adatto accompagnamento musicale fatto con villanelle, madrigali e canti di lavoro. Sulla scena ci saranno ad interpretare Feminalîa: Lorena Bartoli, Noemi Coppola, Laura Cuomo, Daniela Dentato, Francesco Luongo, Marilia Marciello, Emanuele Pianese, Angelo Plaitano.

Rilevante è la dichiarazione del Direttore Musicale, Angelo Plaitano, che spiega ai nostri taccuini le dinamiche del progetto teatrale:«Abbiamo scelto un repertorio che parla della Donna nel tempo, senza stereotipi, andando a scavare aspetti diversi nel corso delle epoche e integrandoli con estratti teatrali che ne rafforzano il significato. Uno dei temi centrali è il riscatto, ma tutto lo spettacolo è pervaso anche da una grande ironia e dal rapporto con la diversità che la donna sa instaurare. Anche quando è succube, anche quando è sottomessa, sa essere più forte e più furba» 

Grandi meriti vanno alla regia, rivelatasi capace di intrecciare le splendide melodie dei testi classici agli scritti inediti di Gallo e di Pisano, realizzati con tecnica futurista. Altro grande mix inscenato è quello delle varie opere drammaturgiche che si fondono e si incontrano tra loro. Ad esempio in Assunta Spina il coro dell’Otello evidenzia, come in una tragedia greca, la drammaticità dei momenti. Il filo conduttore è la violenza sulle donne, ma si cerca anche di fotografare la donna in tutti i suoi aspetti. 

Per maggiori informazioni: avanpostonumerozero@outlook.it  – 3661149276

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli omaggia Pino Daniele: concerto gratuito al Palartenope
Articolo successivoVia al ciclo di seminari sulla storia di Napoli
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.