Oggigiorno in medicina gli antidolorifici a base di oppiacei come ad esempio la morfina e la codeina sono sempre più diffusi in ambito medico. Queste sostanze, però, agiscono sul sistema nervoso centrale e presentano numerosi effetti collaterali tra cui, nel peggiore dei casi, la morte. L’incremento di decessi negli Stati Uniti per l’eccessiva assunzione di oppiacei è del 152% in sei anni (più di 90 persone al giorno).

Per far fronte al problema gli scienziati a stelle e strisce hanno trovato un’ escamotage. Dei ricercatori americani ha testato un nuovo tipo di trattamento a base di una proteina isolata presente nel Conus Regiuscioè una tipica lumaca di mare dei Caraibi. Questa scoperta è merito di uno studio condotto da  un team coordinato da Baldomero Olivera, professore dell’University of Utahche ha appunto scoperto come questo mollusco rilasci una sostanza antidolorifica diecimila volte più forte della morfina chiamata conotossina.

Con questo termine si definisce qualsiasi veleno isolato dal secreto delle conchiglie Conus. La conotossine sono costituite da uno o più peptidi neurotossici. Esse differiscono per la propria struttura molecolare e si dividono in omega, delta, kappa, Mu e Alfa. Quest’ultima tipologia risulta essere un ottimo lenitivo naturale del dolore.

Purtroppo creare un medicinale a base di questa sostanza risulta ancora difficile, ma pare che i ricercatori americani stiano seguendo la giusta strada. Il mondo della medicina ripone tante speranze nello studio, ma una domanda sorge spontanea: come può una semplice molecola riuscire a placare un forte dolore?

La conotossina (RglA) agisce inibendo tramite il proprio principio attivo i recettori dell’acetilcolina nei nervi e , di conseguenza, nei muscoli. Essa agisce da neurotrasmettitore isolando gli impulsi nervosi di dolore. Anche il veleno dei serpenti ha proprietà antidolorifiche, ma l’effetto è di gran lunga minore rispetto a questa prestigiosa sostanza. La natura non finirà mai di stupirci!

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteStorie di Donne: la giornata della donna a Sorrento
Articolo successivoOtto marzo: un femminismo meticcio e anticapitalista

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.