“Comune Desalvinizzato”, questo il testo di uno striscione apparso all’esterno della sede del Consiglio Comunale di Napoli oggi.

Lo slogan, scritto a caratteri cubitali su di un telo lungo quanto tutta la facciata del palazzo comunale in via Verdi, riprende quello lanciato da un’iniziativa simile della III Municipalità cittadina ed è stato ideato dai consiglieri Pietro Rinaldi (Napoli in Comune a Sinistra), Eleonora De Majo (Dema) e Rosario Andreozzi (Dema).

L’obiettivo annunciato dell’iniziativa è quello di lanciare e pubblicizzare la manifestazione anti-Salvini “Mai con Salvini. Napoli Non ti Vuole!”, prevista per sabato 11 marzo alle 14, in contemporanea alla visita in città del leader della Lega.

Salvini manifestazione
Salvini manifestazione

De Majo e Rinaldi hanno scritto subito dell’iniziativa sui propri profili Facebook, commentandola. Eleonora De Majo ha dichiarato:

“Sabato dimostreremo a Salvini che non solo i centri sociali ma un’intera città è pronta a dirgli che a Napoli non è il benvenuto. Lui usa sempre toni particolarmente duri nei confronti dei centri sociali speculando sul loro ruolo. Invece si stratta, in tutta Italia, di gruppi di attivisti che hanno un ruolo importantissimo nelle battaglie a difesa della democrazia, della salute, dei diritti del lavoro. È ovvio che lui li denigri perché ha bisogno di marginalizzare chi lo contesta“.

Salvini manifestazione
Salvini manifestazione

La De Majo si riferisce, in particolare, al commento del leader della Lega Nord alle proteste tenutesi a Napoli mercoledì 8 marzo dopo il suo arrivo a sorpresa in città, dove aveva definito i manifestanti come “le solite zecche dei centri a-sociali”.

Pietro Rinaldi, invece, ha posto l’accento sull’aspetto di continuità della manifestazione dell’11 con quella di aprile contro un altro Matteo della politica italiana, Matteo Renzi:

“Abbiamo esposto questo striscione per par condicio, parlammo di Comune Derenzizzato e ora è anche Desalvinizzato. La sua presenza in città è molto grave, a lui diciamo siamo terroni ma non siamo coglioni. Ci ricordiamo bene i suoi cori contro i napoletani, oggi vuole dei voti al Sud ma noi abbiamo memoria di quello che ha detto. Quello dell’11 sarà un corteo tranquillo per notificare a Salvini un foglio di via. Ieri lui è venuto in città all’insaputa di tutti, così deve venire a Napoli, di nascosto, come i topolini di fogna”.

Non è solo il Comune a protestare già platealmente contro Salvini: oggi all’esterno di una delle vele di Scampia, infatti, è apparso un altro striscione riportante la scritta “Salvini via da Napoli”.

Salvini manifestazione
Salvini manifestazione

Insomma, Napoli sembra proprio aspettarlo questo 11 marzo e aspettare l’arrivo di Matteo Salvini in città, sì, ma solo per poter alzare la testa e  poter “costruire un percorso che conduca ad una grande manifestazione antifascista, antirazzista e antisessista che ribadisca l’opposizione della città alle logiche di sfruttamento e precarietà che vogliono imporci”.

Desire Rosaria Nacarlo