Dopo l’eliminazione dalla Champions League ad opera del Real Madrid, il Napoli era atteso al San Paolo contro il Crotone per ricominciare la caccia al secondo posto per un pronto rientro nella massima competizione continentale.

Sarri chiedeva al suo Napoli la massima concentrazione contro i calabresi. Temeva, infatti, un calo di tensione dopo l’enorme sforzo profuso in Champions e chiedeva quindi ai suoi di giocare come se di fronte a loro ci fossero ancora i blancos. Occorreva fervida immaginazione per l’improponibile paragone, ma il Napoli ha mostrato subito determinazione contro un Crotone che comunque ha lottato con tutte le proprie forze riuscendo, in qualche frangente, ad impensierire i padroni di casa.

A dire il vero gli azzurri dominano ma non riescono a sfondare la difesa del Crotone, ottimamente schierata, mostrando a tratti anche un po’ di confusione. Bisogna attendere il minuto 33′ quando, dopo un rapido dribbling, Insigne viene steso da Sampirisi e per l’arbitro non vi sono dubbi: calcio di rigore che viene trasformato proprio dal numero 24. Prima della fine del primo tempo Callejon e Rog si rendono protagonisti di due ottime occasioni.

Nella ripresa ci sono alcune occasioni per il Crotone che, per fortuna dei partenopei, non hanno molta fortuna, come anche quella di Pavoletti che, servito da Koulibaly, con colpo di testa, spedisce la palla oltre la traversa. Dopo alcune occasioni, ancora per gli ospiti, Sarri tenta di chiudere la gara inserendo Mertens al posto di Pavoletti apparso poco efficace anche in questa gara. Al 64′ è Hamsik che viene steso in area conquistando così un altro calcio di rigore, trasformato da Dries Mertens. A questo punto il Crotone si arrende lasciando ampi spazi agli azzurri che segnano il terzo goal con Insigne che, servito alla perfesione da Jorginho sul filo del fuorigioco, trafigge Cordaz.

Insigne dopo il goal del 3-0 al Crotone

Tris del Napoli, quindi, che riparte alla caccia del secondo posto che garantirebbe ai tifosi azzurri un pronto rientro in un palcoscenico davvero emozionante.

Le pagelle

Reina 6. Un paio di sveglie, poi inoperoso.

Hysaj 6.5. Ottima gara di velocità e di proposizioni offensive. Era molto tempo che non lo si vedeva così.

Koulibaly 6,5. Come sempre invalicabile. Dopo l’eventuale conquista del secondo posto (ancora difficile) il Napoli dovrà combattere una vera battaglia per trattenerlo. Sono per lui le prossime sirene di mercato.

Chiriches 6. In alcune occasioni fa rimpiangere Albiol ma poi recupera bene.

Strinic 6,5. Ottima intrepretazione la sua. Regala anche qualche cross di qualità superiore a quelli che si vedeono di solito con Ghoulam.

Jorginho 6,5. Gran bella gara la sua. Ha coperto bene in difesa quando c’era bisogno del suo aiuto. Suo lo splendido assist per la seconda rete di Insigne.

Hamsik 6,5. Gioca con fiato e gamba fino alla fine. Si conquista un buon calcio di rigore.

Rog 6. ha fatto vedere anche quest’oggi grandi cose, ma si lascia ammonire e risulta stranamente nervoso. Sarri lo sostituisce poco dopo l’inizio della ripresa per non rischiare l’espulsione. Sostituito da:

Zielinski 6. Compitino di ordinaria amministrazione per lui nell’ultima mezz’ora.

Insigne 7,5. È senza dubbio l’arma in più di questo Napoli. Sarà preziosissimo per lo sprint finale. Corsa, estro, cinismo, ma soprattutto lotta per la squadra. Gran lavoro di Sarri su questo ragazzo che è ormai un vero leader.

Pavoletti 6. Di incoraggiamento per questo ragazzo che, dispiace dirlo, è ancora lontano dal convincerci tutti.

Callejon 6. A parte qualche occasione avuta ha approfittato per fare solo un po’ di stretching e recuperare fiato.

Salvatore Annona

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli, 11 Marzo 2017, 17 Marzo 2001: Oltre gli scontri
Articolo successivoMaschio Angioino: il castello di Napoli
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO