Cent’anni fa, il 17 marzo del 1917, nasceva lo scrittore Carlo Cassola, autore anticonformista del post secondo dopoguerra.Fausto, Anna, Cassola

Radio 6 Teca, il canale web di Radio Rai che recupera e ripropone il materiale dell’Archivio audio, vuole omaggiare questa data, ma soprattutto lo scrittore, con un programma ideato e curato da Edoardo Melchiorri. Nello specifico si tratta dell’adattamento radiofonico di Fausto e Anna, realizzato dalla Compagnia di Prosa della Rai di Firenze e trasmesso nel 1977 da Radio1.

Il libro che Cassola scrisse nel 1949, pubblicato da Einaudi nel 1952, è un romanzo autobiografico sulla resistenza a cui l’autore partecipò attivamente con il nome di battaglia di Giacomo, nella XXII Brigata Garibaldina, a capo della squadra Esplosivisti. A seguito di questa esperienza Carlo Cassola scrive per l’appunto Fausto e Anna. Un libro che fu accolto all’inizio da giudizi negativi per le accuse al movimento e che, soltanto in seguito, fu apprezzato come racconto di una duplice disfatta: privata e politica.

Nel romanzo i due protagonisti, Fausto e Anna, si conoscono a Volterra e si innamorano, ma il loro rapporto peggiora rapidamente fino alla rottura. Anna sposa Miro e Fausto, che si sente attratto dalla causa dei partigiani, decide di unirsi a loro in montagna dove partecipa ad alcune imprese. In una di queste incontra Anna e i due scoprono di essere ancora innamorati, tuttavia l’uccisione di alcuni prigionieri da parte dei partigiani ne mette in crisi le certezze. Fausto critica i metodi sbrigativi e cruenti dei compagni e si convince che la loro condotta non è ispirata a principi morali. La vicenda si conclude con la definitiva e doppia separazione, dai partigiani e da Anna.

Cassola, come si evince in alcuni punti dalla trama, ma anche come egli stesso non ha mai nascosto, ha sempre avuto un carattere ruvido e anticonformista. Ha sempre vissuto una vita lontana dai caffè letterari perché, come affermava: “per scrivere non c’è bisogno di vivere a Parigi”. È stato un autore molto discusso, ferocemente osteggiato dagli intellettuali marxisti che leggevano nelle sue pagine il fallimento degli sforzi compiuti dalla componente comunista della Resistenza.

Insomma un personaggio scomodo per l’epoca, ma ad oggi importantissimo.

Ricordiamo che Fausto e Anna è fruibile in streaming al link www.radio6teca.rai.it

L’appuntamento, per tre serate, è da venerdì 17 a domenica 19 marzo, ed è diffuso anche nell’offerta di Radio Digitale DAB+.

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli Teatro Festival: presentata la decima edizione della kermesse
Articolo successivoForza Italia rinasce dalle radici dell’Albero della Libertà
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO