Il 12 marzo si è spento nella propria abitazione il dottor Luigi Amadio, direttore generale della Fondazione Santa Lucia. A dare la triste notizia i colleghi della nota struttura sanitaria romana di via Ardeatina 354.

All’età di 69 anni, 44 dei quali trascorsi nel proprio ospedale divenuto eccellenza europea Amadio ha chiuso gli occhi per sempre e non si è più risvegliato a causa di una crisi cardiocircolatoria dopo aver dedicato una vita intera a combattere al fianco di sfortunati pazienti arrivati a un passo dalla morte.

Pochi rimorsi ha portato con se il dottor Amadio. Sotto la sua direzione il Santa Lucia Ircss è stata protagonista sia per quanto riguarda ricerche scientifiche che in attività sportive paralimpiche. Grazie a quest’ultime l’ospedale ha avuto parecchie soddisfazioni ed ottenuto svariati trofei nel basket in carrozzina e nel nuoto diventando quasi il fiore all’occhiello dell’Italia sportiva paralimpica.

Tralasciando lo sport i veri meriti dell’ormai defunto Direttore riguardano gli alti target raggiunti dalla riabilitazione neuromotoria che si svolgeva all’interno della Fondazione Santa Lucia. Quasi tutti i pazienti che giungono nella struttura per sottoporsi alle cure del team del dott. Amadio ne escono recuperati a pieno e capaci di reinserirsi nella società.

Tutto questo è possibile grazie all’elevato livello raggiunto dalla Fondazioneche ad oggi offre ancora 300 posti letto per chi ne avesse bisogno. Il Direttore era ben voluto ed amato sia dal personale sanitario che dai propri pazienti. Nonostante ciò ai funerali parteciperanno soltanto i parenti stretti per espressa volontà dei familiari.

Per chi volesse ricordarlo in data 20 marzo 2017 alle ore 11.00 si terrà una commemorazione pubblica presso la Sala Convegni della Fondazione Santa Lucia. Grazie infinite direttore Amadio a nome di tutti noi pazienti ed ex-pazienti. È grazie al suo intervento se oggi ho potuto scrivere questo articolo. Riposa in pace!

Eugenio Fiorentino
CONDIVIDI
Articolo precedenteClan in ginocchio: blitz a Pianura e Francesco Zagaria in manette
Articolo successivoScampia accoglie turisti e curiosi con lo Scampia Trip Tour

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.