L’ Hanami è un’antica usanza giapponese che consiste nell’ammirare ed immortalare con scatti fotografici la fioritura degli alberi di ciliegi. Quest’anno, a causa delle condizioni climatiche favorevoli, l’appuntamento si terrà tra marzo e aprile.

La fioritura dei ciliegi nella cultura giapponese è considerato un evento sacro. La delicatezza e fragilità dei petali di fiore di ciliegio rappresentano nella cultura buddhista la caducità della vita oltre ad essere un simbolo del nazionalismo e militarismo nipponico. Nel corso della Seconda Guerra mondiale i fiori di ciliegio venivano, infatti, dipinti sugli aerei militari.

Numerosi sono i turisti italiani curiosi e vogliosi di partecipare a questo suggestivo rito, la cui cadenza è definita dall’ufficio metereologico nazionale giapponese, che ogni anno partono per il Giappone. Per chi non potesse assistere all’Hanami in terra nipponica è possibile ammirare la splendida fioritura dei ciliegi anche in Italia.

A Roma al Parco del Lago dell’Eur in questi mesi primaverili sarà possibile passeggiare tra i ”sakura’‘, una varietà di ciliegi donati all’Italia nel 1959 dal primo ministro giapponese Nobusuke Kishi . L’evento essendo all’aperto prevede tanta compagnia e sarà possibile fare dei picnic con i propri amici familiari degustando pietanze e bevande tipiche giapponesi come sushi e sake.

Per chi volesse è possibile seguire l’evento dell’Hanami anche nelle ore serali e notturne. I ciliegi saranno illuminati dalla tradizionali chochin (lanterne di carta) e sarà possibile ammirarli e fotografarli anche di notte. Per gli appassionati di cultura giapponese sono previsti canti e danze tipiche orientali a cui sarà possibile dedicarsi in compagnia.

L’Hanami di Roma è un’occasione da non perdere per chi ama la contemplazione della natura. Fate presto: a fine aprile i ciliegi incominciano già a sfiorire lanciando a terra un manto rosa delicato. L’evento è aperto a tutti: Hanami è anche ugualianza e fratellanza tra i popoli.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedente“Castello Fondente…Cioccolatieri all’opera” al Castello di Limatola
Articolo successivoLudopatia, arriva la sentenza di merito del Tar Campania
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.