Continua la cavalcata vincente della Sorriso Azzurro Sant’Antimo nel campionato di Promozione Maschile Campania (Girone A). Trasferta complessa per i ragazzi di coach Maggio, che all’andata lasciarono alla Pik And Roll due punti importanti, culminati negli scivoloni ravvicinati contro Capua e Lokomotiv Flegrea.
Lo abbiamo appurato fin dall’ultima volta, quando commentavamo insieme il successo della Sorriso nel derby, che il basket a Sant’Antimo ha un serbatoio indefinito di potenziale. Sono passati anni dalle ultime esperienze territoriali in A2, e mentre a Napoli si riconsolida un sentimento mai domato per la pallacanestro grazie ai successi di Cuore Napoli Basket, a Sant’Antimo si riparte dal basso e dalle categorie meno blasonate per provare a ritornare tra le prime forze della palla a spicchi campana.
Sul campo della Pik and Roll Pozzuoli il primo quarto si deteriora completamente a favore della squadra di casa, che ripropongono la zona 3-2 dimostratasi arma vincente nel match d’andata. Attacchi limitati nelle fila santantimesi, che chiudono all’attacco sotto di 12 e con solo 4 punti a referto con firma di D’Agostino e Renella. Scarsi i contributi dalla distanza, con Capasso P. che viaggia con lo 0/4 dall’arco nei primi dieci minuti e, malgrado sia di ritorno dalla prestazione maiuscola nella stracittadina a Sant’Antimo, rimarrà a secco per tutta la partita.
“Partita troppo importante per mollare così presto”, ci racconta Puca che rosicchia punti grazie all’and one a inizio secondo quarto. È l’inizio di un esemplare colpo di reni, che affonda nella maggiore applicazione difensiva e alla mano calda di Emanuele Renella, autore di 11 punti nella sola seconda frazione. Sant’Antimo va a riposo sotto di 5 sul 27-22, con i tre tiri dalla lunetta di Di Domenico che si conquista e mette a referto a pochi decimi dalla sirena.
Terzo quarto arrembante e la Sorriso Azzurro infrange i tabellini, firma un 9-0 di parziale, mette la freccia a sinistra e chiude il sorpasso sui puteolani. Sale in cattedra Rinaldi, coadiuvato dal solito Renella e per la Sorriso sono 2 i canestri di margine che aprono gli ultimi dieci minuti di gioco.
Il calo è avvenuto durante il quarto quarto, specie nella parte finale”, ci spiega Di Domenicogli avversari hanno iniziato a commettere falli tattici, per spedirci quanto più possibile in lunetta. Fortunatamente stavolta la prestazione dalla linea del tiro libero è stata complessivamente buona, ma difensivamente abbiamo concesso troppi canestri e, come già detto, il fischietto non è stato clemente”.
Sarà solo il tabellone a smorzare il tentativo di Federici per andare ai supplementari e a regalare alla Sorriso Azzurro Sant’Antimo l’undicesimo successo consecutivo. Vittoria sofferta ma due punti in saccoccia e a pari merito (e una partita da recuperare) con Benevento e Lokomotiv in vetta alla classifica.
25 marzo, ore 20.00:
16-4; 11-18; 9-18; 13-12
1o arbitro: Madonna Giacomo di Napoli (NA)
2o arbitro: Di Marsilio Giancarlo di Napoli (NA)

SORRISO AZZURRO SANT’ANTIMO:  Renella E. 27, Rinaldi E. 7, Di Domenico G. 6, Puca R. 6, D’Agostino G. (K) 5, De Rosa M. 1, Pedata D., Capasso G., Capasso P., Scocco F.. All.re: Maggio P.

PIK AND ROLL POZZUOLI: Amazio D. (K) 15, Federici A. 15, Giacobbe S. 8, Amodio A. 5, Iannone G. 2, Sabbatino C. 2, Nunneri R. 2, Saggiomo G. ne, Sesti R., Aracri M., Marra S.. All.re – 

Nicola Puca

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCoda è sfortunato ma Sprocati e Bernardini condannano l’Ascoli
Articolo successivoMotoGP: Trionfa Viñales nel diluvio del Qatar

Studio Ingegneria Aerospaziale alla Seconda Università degli Studi di Napoli. Sostengo la politica giovanile e comunale insieme agli amici di Agorà-Lavoro, Partecipazione e Libertà; scrivo per passione, per la necessità di leggermi e di imparare dai miei errori. Sono un alfista senza un’Alfa, un seriofilo senza DVD, un Jedi senza una spada laser.