”C’è un degrado nella città di Giugliano dovuto ad attività poco lecite e il 31 Marzo cercheremo con un corteo di sensibilizzare coloro i quali hanno paura’.
Il presidio di Libera è presente sul territorio di Giugliano da ormai tre anni. Diverse sono state le attività e le iniziative dell’associazione soprattutto nelle scuole per combattere la criminalità organizzata ed instaurare un seme di speranze nelle nuove generazioni”
.
A parlare sono i promotori della marcia per la legalità che avrà luogo sul territorio di Giugliano, venerdì 31 Marzo.

Il corteo, organizzato da ”Un popolo in Cammino”, il presidio territoriale di Libera e il Movimento Polis attraverserà le vie del centro storico di Giugliano per per dire No alla Camorra.
Dopo l’assemblea alla biblioteca di Giugliano del 6 Marzo che ha coinvolto quasi 200 persone che hanno ascoltato storie di vita vissuta, di chi combatte ogni giorno la camorra e lo fa a proprie spese e mettendo la propria pelle in ballo, con sindacati, associazioni di categoria e di commercianti, l’intero clero di Giugliano, figure istituzionali di tutta l’area Nord di Napoli e del basso casertano, e soprattutto tanti personaggi che ogni giorno combattono con la criminalità organizzata.

Partire dalle associazioni e dalle scuole per coinvolgere anche quei cittadini che hanno paura di urlare a squarciagola “No alla camorra”.

L’avvicinamento al corteo è stato fatto con l’attivazione dei tanti giovani del Movimento Polis e del presidio di Libera Giugliano, che settimanalmente sono scesi in piazza per far conoscere il problema criminalità alla cittadinanza giuglianese, organizzando anche un PhotoFrame sul corteo del 31 marzo.

Il contest ha avuto come obiettivo il dialogare e discutere del tema, anche dopo l’assemblea pubblica, e far partecipare più cittadini possibili al corteo che marcerà venerdì 31 Marzo, alle ore 9:00.

Il corteo, che vedrà tantissimi studenti degli istituti superiori dell’area nord di Napoli, si darà appuntamento in piazza Matteotti e sfilerà lungo le palazzine.

Lungo il Corteo si susseguiranno gli interventi dei rappresentanti d’istituto, associazioni, movimenti, sindacati, mondo del clero e familiari di vittime di Camorra.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteDiocesi Ambrosiana: calano i battesimi, i matrimoni e le vocazioni. Tengono gli oratori
Articolo successivoKazakistan, Expo Astana 2017: illusorio spiraglio di concreta democrazia?

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II