Più di ottocento manifestanti, per la maggior parte studenti delle scuole dell’area Nord di Giugliano si sono dati appuntamento questa mattina a Piazza Matteotti, nel comune di Giugliano per dire basta alla camorra, alla corruzione e al malaffare.

Il corteo, organizzato dal Movimento Polis, dal presidio Libera Giugliano ”Mena Morlando” e dalla rete Un Popolo in Cammino ha sfilato lungo le vie del centro storico della città. Particolarmente toccante il minuto di silenzio che i manifestanti hanno dedicato a Mena Morlando giovane insegnante venticinquenne assassinata la sera del 17 dicembre 1980 a pochi passi dalla sua abitazione.

Francesco Cacciapuoti del Movimento Polis, tra gli organizzatori della marcia ai microfoni di Libero Pensiero News dichiara:”Ottocento partigiani della legalità che hanno dai 16 ai 20 anni si sono svegliati stamattina con l’intento di gridare no alla camorra all’interno di una città difficile dove si sta consumando una guerra di camorra e il compromesso morale tra politica e camorra è attualissimo in tante amministrazioni della area nord di Napoli. Dobbiamo combattere per creare nuovi posti di lavoro e togliere i ragazzi dalle strade affinchè non diventino manovalanza della camorra. Ora il nostro obbiettivo – conclude – è riuscire a far approvare dalle istituzioni in tutti i comuni la Carta di Pisa, un codice etico per evitare atti di corruzione e malaffare”.

Presenti i rappresentanti delle istituzioni con assessori e consiglieri della maggioranza e dell’opposizone, tra cui il Sindaco di Giugliano, Antonio Poziello.
”Tanta gente in piazza – dichiara Poziello ai microfoni di Libero Pensiero Newstanti giovani, movimenti, associazioni e sindacati. Questo rappresenta un segnale chiaro che con la primavera si stanno risvegliando anche le coscienze e la gente perbene ha il coraggio di sfidare la camorra. Come amministrazione – prosegue il primo cittadino giuglianese – ci stiamo impegnando soprattutto nella prevenzione e nel contrasto del racket e siamo al fianco degli imprenditori con l’Assessore Grauso, il quale è l’ex capo della DIA di Napoli che sta coordinando con l’Associazione nazionale Carabinieri ed altre associazioni un lavoro per cercare di tenere fuori dagli appalti pubblici e dai cantieri la camorra. C’è un lavoro attento che riguarda le scuole con un coinvolgimento di più soggetti e più reti per promuovere sentieri di legalità. I beni sottratti alla camorra – conclude Poziello –  devono essere utilizzati e tornare al godimento di tutti i cittadini”.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteFirenze, l’Adorazione dei Magi torna agli Uffizi
Articolo successivoXenofobia e razzismo in Sudafrica: un disegno di legge per combatterli

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II