A Napoli, combattere a favore della legalità diviene un modus vivendi per chi è onesto. E proprio la legalità sarà protagonista al Teatro Totò dove andrà in scena uno speciale spettacolo dedicato alle scuole medie inferiori e superiori, con la speranza che esso insegni ai più giovani a essere cittadini onesti e consapevoli: si tratta di ‘Peppe Diana: il coraggio di avere paura’, la storia del noto parroco Don Peppe Diana che è stato un esempio di rivolta contro la criminalità organizzata, capace di aizzare una protesta civile contro quell’infimo male che è la camorra.

Don Peppe Diana si dichiarava contro la malavita, l’omertà, tanto da rivolgere a chi continuasse a minacciarlo tali parole: “Per amore del mio popolo non tacerò.” Queste dichiarazioni furono per l’ecclesiastico una condanna a morte, infatti nell’ormai lontano 19 marzo 1994 fu ucciso proprio nella sua cittadina, ossia a Casal Di Principe.

Il vero obiettivo del prete era quello di redimere i più giovani: un progetto che si è rivelato efficace, tant’è che, nonostante la sua morte, il suo gruppo di scouts ha vinto e continua a vincere la repressione dei malavitosi. Il segreto, secondo Don Peppe, è proprio quello di riuscire a sfoggiare il ‘Coraggio di avere paura’. Ecco spiegato il titolo dell’unico spettacolo ufficialmente riconosciuto dal Comitato Don Peppe Diana e supportato dall’associazione Libera e dal Comune, e dunque dall’Assessore alla Cultura e dal Sindaco di Napoli che per l’appunto lo patrocinano.

Il dramma sarà diretto da chi lo ha scritto, Gaetano Liguorinonché direttore artistico del Teatro Totò e della scuola di formazione dello stesso, scuola dalla quale sono stati tratti i trenta giovani attori che calcheranno il palco della struttura napoletana.

‘Don Peppe Diana: il coraggio di avere paura’ ha ritmi dinamici, con momenti di ilarità; alterna prosa e cinema, si compone di episodi diversi con i quali si rimanda all’infanzia di Don Peppe, fatta di incontri con malviventi, di scelte giuste e controcorrente.

In sala sarà presente il già nominato comitato Don Peppe Diana che con i suoi rappresentanti  darà vita ad un dibattito finale in cui si spiegherà ai ragazzi come seguire la strada imboccata dal giovane parroco ed evitare invece le vie più buie.

L’appuntamento sarà al Teatro Totò – via Alfrediano Cavara 12/E Napoli  per la seconda edizione dello spettacolo che, dopo il successo dello scorso ottobre, si ripeterà a maggio.

Per info e prenotazioni: 081 296051 – 3938790992

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedentePortici Città Ribelle: Nasce per la cittadinanza lo Spazio Itaca
Articolo successivoFirenze, l’Adorazione dei Magi torna agli Uffizi
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.