Finisce in parità l’attesissima sfida tra Juventus e Napoli in un San Paolo gremitissimo e ansioso di far sentire tutta la sua rabbia contro Higuaìn. Molto Napoli e poca Juve per un 1-1 utile solo ai bianconeri.

In realtà, numeri alla mano, i bianconeri non riescono a superare quasi mai la metà campo durante tutta la partita ma il goal lampo di Khedira ha permesso alla capolista di amministrare al meglio il risultato.

Il goal è una mazzata per gli azzurri che si ritrovano dopo appena sei minuti a dover rimontare. La manovra partenopea, però, risulta nervosa ma gli uomini di Sarri riescono comunque a creare diverse occasioni, mentre la squadra di Allegri decide, di fatto, di chiudersi in difesa e disegnare qualche trama offensiva solo di rilancio, ma sempre disordinato.

Nella ripresa il Napoli entra in campo con la giusta mentalità. Occorreva lucidità e pressing alto unitamente a maggiore inensità. Tutti ingredienti messi sul campo con il premio che non tarda ad arrivare. È al minuto 60′ che con un rapidissimo scambio MertensHamsik mette quest’ultimo da solo davanti a Buffon e non sbaglia.

Hamsik segna il goal del pareggio

Gli azzurri non intendono arrestarsi ed aumentano il ritmo sfiorando il raddoppio con una clamorosa occasione per Mertens che da posizione molto defilata coglie il palo. Le occasioni per gli azzurri arrivano ancora in tante, ma il risultato resta fermo sull’1-1 che premia solo la Juventus sempre più vicina alla vittoria del campionato. Il Napoli invece vede allontanarsi il secondo posto.

Le pagelle

Rafael 6. Cambia il portiere ma, come il compagno titolare assente resta praticamente inoperoso. Non poteva molto sulla conclusione ravvicinata di Khedira. Nella ripresa una buona uscita.

Hysaj 6,5. Ottima prestazione dell’esterno pupillo di Sarri. Con la Juventus arroccata in difesa lo si vede moltissimo in attacco.

Koulibaly 6,5. Praticamente a uomo su Higuaìn. Non gli ha concesso nulla.

Albiol 6,5. Attento, ha raddoppiato spesso sui centrali quando tentavano di attaccare.

Strinic 6,5. Ha mostrato molta più qualità rispetto a Ghoulam che, al contrario, negli ultimi tempi sta mostrando una notevole regressione. Quando rientra l’algerino si perde l’equilibrio e qualche palla di troppo.

Allan 6,5. Asfissia a turno diversi centrali della Juventus. Viene sostituito nella ripresa da Zielinski che mostra ancora una volta il suo talento con grandi giocate di qualità.

Jorginho 6. Con i bianconeri così bassi riesce a manovrare sempre con tranquillità.

Hamsik 7. Il capitano, rimette a posto le cose, tristemente compromesse nei primi minuti. Come contorno una prova convincente. Esce molto stanco.

Insigne 6,5. Tanta buona volontà, corre come una trottola a pressare fino agli ultimi secondi perchè vorrebbe vincere. Buone giocate ma qualche tiro sconclusionato di troppo.

Mertens 6,5. Come Insigne, coglie anche un palo da posizione comunque molto difficile.

Callejon 6. Grande generosità e polmoni d’acciaio. Poteva risultare decisivo in due occasioni tipiche dei suoi inserimenti.

Salvatore Annona

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSalerno: niente più schiavitù in scena nei circhi
Articolo successivoOspedale di Polla: non vince nessuno alla conta dei partecipanti
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here