CASERTA — I versi curano l’anima e, talvolta, regalano letteralmente la vita. Lo ha dimostrato ‘I tuoi occhi senza di me’, il primo Concorso Internazionale di Poesia indetto ­— su ideazione del dottor Giuseppe Bonasso — dalla Fondazione Barbara Vito Onlus e dall’AVIS di Santa Maria Capua Vetere con il fine di promuovere la cultura della donazione del midollo osseo e del sangue, nonché di finanziare, almeno in parte, la costruzione di una palestra per i piccoli pazienti del reparto di Oncoematologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana, diretto dal dottor Claudio Favre.

Patrocinato dal comune della stessa città di Santa Maria, ‘I tuoi occhi senza di me’ ha visto la partecipazione dell’imprenditore e poeta pomiglianese Mario Volpe, che alla cerimonia di premiazione, svoltasi lo scorso sabato tra le mura del meraviglioso Teatro Garibaldi, ha ottenuto il premio speciale della sezione Protezione Civile trasporto organi.

Il riconoscimento è arrivato grazie al componimento ‘Quando muore una madre…’, assaggio della raccolta ‘Verso libero’a breve in libreria:

Foglie ancora verdi

si staccano dai robusti

rami di una sicura pianta,

e le barche ancorate

al molo da intrecci di corde

tese vanno alla deriva,

quando muore una

madre ogni candela accesa

si spegne e

ogni storia è svilita

nella sua trama senza

ragione,

nell’ombra del ricordo

di un sorriso di passione.

Toccante descrizione della perdita della figura materna, la poesia di Mario Volpe ha emozionato la giuria con la sua intessitura di immagini concrete, capaci di convogliare il lettore a toccare con mano, o meglio con il cuore, le sensazioni che si provano nel momento in cui colei che ci ha messo al mondo ci lascia, rendendoci barche alla deriva, naviganti senza bussola che non sanno e non possono più tornare ai loro porti d’origine.

Sorpreso e lieto per l’attenzione ricevuta, Mario ha potuto assistere — insieme agli altri partecipanti e alla presenza di Massimo Pieraccini, capo del NOPC di Firenze — alle testimonianze di coloro che hanno dovuto fare i conti con la malattia e che oggi possono dirsi salvi per le donazioni di midollo e di sangue ricevute.

Insomma, la cerimonia di premiazione de ‘I tuoi occhi senza di me’ ha messo in luce quanto poesia e vita, scrittura ed esperienza quotidiana siano fra di esse legate, fino a condurre autore e fruitore a una miracolosa rinascita, figurata o reale, interiore o fisica che sia.

Anna Gilda Scafaro

CONDIVIDI
Articolo precedenteNel ’17 vince Lenin: Moreno è il nuovo presidente dell’Ecuador
Articolo successivoLa grandezza del Gallo: i numeri spaventosi di Andrea Belotti
Laureata in Lettere Moderne e specializzanda in Filologia Moderna presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Anna Gilda Scafaro aspira a diventare una buona insegnante e una valida giornalista. Appassionata di scrittura e amante dei libri, nutre un forte interesse per l’Arte in tutte le sue sfaccettature più belle e complicate. Sogna di visitare i più rinomati musei europei e mondiali e di viaggiare alla scoperta delle storie più arcane e affascinanti che si celano nel cuore delle grandi e piccole città. Attualmente scrive per Libero Pensiero News, occupandosi della sezione Cultura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here