Sabato 8 aprile alle ore 17.30 al Nest Napoli Est Teatro torna l’appuntamento “Libri dietro le quinte”: in questa occasione sarà presentato il premio letterario e l’antologia “Racconti nella rete”.

“Libri dietro le quinte” è un progetto promosso dall’associazione culturale “Gioco Immagine e Parole” che ha come scopo sulla carta quello di presentare e promuovere libri al Nest. In realtà avvalendosi della compagnia teatrale ‘A Menesta, l’iniziativa si propone un’ibridazione tra teatro e scrittura: le parole dei libri vengono “interpretate” dalla compagnia al fin di dare anima ai personaggi e alle situazioni, cercando di ricreare l’ambiente descritto dal libro. Il “reading teatrale” è, dunque, una lettura pubblica: le pagine scritte finiscono per prender vita attraverso la voce dell’interprete, è un teatro di narrazioni.

Protagonista dell’appuntamento di sabato è il premio letterario “Racconti nella Rete”, ormai giunto alla sedicesima edizione e organizzato dall’Associazione Culturale LuccAutori. Ideatore del premio e presidente dell’associazione è Demetrio Brandi.

Racconti nelle rete è un progetto di forte stampo democratico, che si propone di ricreare un ambiente virtuale, una sorta di “agorà” digitale in cui tutti abbiano pieno spazio di espressione. Sul sito www.raccontinellarete.it gli iscritti possono pubblicare i propri racconti, ma non solo. Difatti si crea uno spazio ideale di confronto e discussione dato dalla possibilità di poter leggere e commentare anche le storie degli altri. “Racconti per bambini” e “Racconti per cortometraggi“, riservato a soggetti per cortometraggi, sono le due nuove sezioni che arricchiscono il progetto.

Tutti, dal dilettante al professionista, hanno pari possibilità di espressione e di ascolto; il progetto non fa altro che sfruttare il mezzo di comunicazione più democratico, nel bene e nel male, che esista: internet.

In questo caso il web finisce per diventare nient’altro che una vetrina per giovani talenti, che possono dar libero sfogo alla loro voce, fantasia e  immaginazione.

Ad ogni edizione una giuria di qualità seleziona 25 racconti che saranno pubblicati in un’antologia edita da Nottetempo. La copertina di quest’anno è a cura del pittore e scultore livornese Giampaolo Talani. I vincitori verranno premiati nel corso del Festival Letterario LuccAutori.

La distribuzione capillare nelle librerie d’Italia dell’antologia “Racconti nella rete” è accompagnata da presentazioni della stessa nelle varie città: agli scrittori è data, dunque, la possibilità innanzitutto di entrare a far parte del panorama letterario italiano e quindi, in seguito, di poter incontrare anche il pubblico.

racconti rete libri 'A Menesta
Locandina dell’evento

Alla presentazione di sabato oltre al giornalista Demetrio Brandi, Presidente dell’Associazone LuccAutori e ideatore del premio, interverranno i vincitori dell’edizione 2016 del Premio: Barbara Cutrupi per il racconto “Un giorno in più”, Ottavio Mirra per il racconto “Simonetta”, Luigi Giampetraglia per il racconto “La maledizione di famiglia” e Diana Salvadori per il racconto “Isbraa e Tabush”. Interverranno poi vincitori delle passate edizioni, tra i quali: Maria Sordino con “Aaqil” (2015), Marta Borroni con “Il Piacere della Condivisione” (2015), Maria Teresa Villani con “Lepre buona” (2015).

Le letture, come sottolineato in precedenza, saranno a cura della compagnia di teatro civile ‘A Menesta, da poco andata in scena con lo spettacolo dedicato al tema delle morti bianche 4° piano interno 12. ‘A Menesta è una compagnia giovanile che si sviluppa nell’ambito dell’associazione “Gioco Immagine e Parole“. Nei suoi spettacoli c’è sempre una forte attenzione a temi di particolare interesse sociale, quali il femminicidio e le vittime innocenti della camorra.

Vanessa Vaia

CONDIVIDI
Articolo precedenteUn calcio al razzismo: all’Unisa arriva l’Atletico Brigante
Articolo successivoWeekend di Annibale Ruccello sorprende il Bellini
Vanessa Vaia nasce a Santa Maria Capua Vetere il 20/07/93. Dopo aver conseguito il diploma al Liceo Classico, si iscrive a "Scienze e Tecnologie della comunicazione" all'università la Sapienza di Roma. Si laurea nel 2016 con una tesi sulle nuove pratiche di narrazione e fruizione delle serie televisive "Game of Series".