Da cinque anni è in vigore una nuova legge per i neopatentati, che nel primo anno dal conseguimento della licenza sono obbligati a guidare veicoli che rispettino determinate e specifiche caratteristiche. Proviamo a elencare quali sono questi requisiti e quali, invece, i migliori modelli disponibili per i neopatentati per circolare senza timore di multe.

Le regole per i neopatentati

Come previsto dall’articolo 117 del Codice della Strada, durante il primo anno dal superamento dell’esame è infatti consentita solo la guida di auto che non abbiano un rapporto peso/potenza superiore ai 55 kw/t e dotate di una potenza massima di 95 cv. Queste limitazioni, come ricorda il portale di approfondimento La Tua Auto, sono state introdotte nel febbraio 2011 e le sanzioni per il mancato rispetto della normativa sulle auto per neopatentati può comportare una multa da 160 a 641 euro, cui va aggiunta una sospensione della patente di guida da 2 a 8 mesi.

Modifiche in arrivo?

In realtà, da circa due anni è fermo in Senato un disegno di legge che dovrebbe modificare la norma, portando a sei mesi il periodo di limitazioni per i neopatentati a patto che i conducenti non commettano violazioni che prevedano la decurtazione di punti patente e che circolino con un accompagnatore di età non superiore ai 65 anni e con patente di guida conseguita da almeno 10 anni.

Una scelta comunque ampia

In attesa allora dell’effettiva approvazione di questa legge, per il momento anche nel 2017 le persone che hanno appena conseguito la patente devono rispettare i criteri fissati: per fortuna, ci sono più di 900 modelli di veicoli tra cui scegliere la “prima auto”, rientrando nei limiti kw/t prestabiliti dalla normativa e guidabili sin dal giorno del conseguimento della licenza.

Le migliori citycar per neopatentati

Il mercato propone innanzitutto le citycar, ovvero i modelli più diffusi per districarsi nel traffico cittadino: tra le auto per neopatentati ci sono differenti versioni di Fiat Panda e Fiat 500 (che sono, in assoluto, i modelli più venduti in Italia), seguiti da altri esemplari come la Lancia Ypsilon, Citroen C1, Ford Ka, Peugeot 108, Volkswagen Up!, Nissan Micra, Opel Adam, Kia Picanto, Toyota Aygo oltre che dalle due tipologie di Smart Fortwo e Forfour.

Le auto per il primo anno

Anche il segmento superiore presenta differenti soluzioni interessanti per chi è poco avvezzo alla guida (almeno dal punto di vista formale): l’elenco infatti comprende Ford Fiesta, Toyota Yaris, Renault Clio, Skoda Fabia, Suzuki Swift, Seat Ibiza, Mazda2, Peugeot 208, ma anche la neo arrivata Citroen C3 e due intramontabili modelli Volkswagen Polo e Golf.

Le possibilità tra Suv e veicoli commerciali

La limitazione prima descritta lascia comunque possibilità di scelta anche a chi preferisce il segmento dei suv/crossover: ovviamente da questa categoria sono esclusi i modelli più esclusivi e potenti, ma comunque i neopatentati possono guidare Fiat 500X, Peugeot 2008, Dacia Duster, Ford Ecosport, Renault Captur e Citroen C4 Cactus. Molteplici opzioni anche tra i veicoli commerciali, dove sono a disposizione alcune varianti di Fiat Qubo, Renault Kangoo, Mercedes Citan, Volkswagen Caddy, Peugeot Bipper Tepee, Combo Tour e Tourneo Courier.

E i modelli premium?

Decisamente (e inevitabilmente) più limitata la possibilità per chi segue il “marchio” e sogna di guidare una vettura premium: tra le auto di classe superiore, infatti, ci sono soltanto (per così dire) due versioni di BMW (ovvero alcune motorizzazioni di Serie 1 e Serie 2), le Mercedes Classe A e B e la piccola Audi A1.

Info utili:

Primo incidente? Ecco come fare

Anna Capuano