Riportiamo il comunicato stampa di “Progettare la Città”, movimento di idee e di persone che si è attivato nella città di Mercato San Severino per costruire un’alternativa dal basso, in vista dell’assemblea pubblica organizzata per il 12 Aprile 2017.

“Progettare la Città è la sintesi di un percorso, tanto individuale quanto condiviso, di esperienze e sensibilità sociali, politiche, generazionali diverse fra loro ma con un unico denominatore: mettere al centro di qualsiasi processo il Senso Civico e la cultura della Cittadinanza attiva.

Il Progetto nasce da un ragionamento fondato sulle logiche della orizzontalità e della territorialità, che – scegliendo la politica fatta dal basso, tra la gente e con la gente – rimetta al centro del confronto politico la Comunità – le idee e le persone –con le proprie problematiche e le proprie eccellenze per la costruzione condivisa del Progetto.

Progettare la Città. È la cornice di un quadro in continuo divenire. I temi sono affrontati seguono precise linee guida:
I. le idee e le persone,
II. la liberazione degli spazi,
III. la circolarità delle esperienze.

Sono Temi con i quali ogni giorno i Cittadini di questa Comunità fanno i conti:
¾ Lavoro è dignità; ¾ Economia è progresso; ¾ Ambiente è salute; ¾ Conoscenza è libertà.

L’elemento identificativo e al tempo stesso innovativo dell’esercizio politico civico che sarà tentato è il richiamo alla lettera profonda – anche costituzionalmente garantita – che ogni tema incarna nel vissuto quotidiano di ciascuno di noi e nella sensazione di tradimento e frustrazione a esso associato.

Ogni azione, scelta, intuizione o scommessa sulla Città dovrà tendere alla ricerca ostinata della dignità, del progresso, della salute, delle libertà, dell’inclusione.

Come? Attraverso lo strumento delle possibilità concesse a tutti indistintamente: le buone pratiche di amministrazione civica, ¾ l’innovazione, ¾ l’agricoltura, ¾ il commercio equo e solidale, ¾ la legalità, ¾ la trasparenza, ¾ la sostenibilità, ¾ la mobilità, ¾ l’economia rispettosa del territorio, ¾ il turismo, ¾ la cultura, ¾ le tradizioni, ¾ le fondazioni, ¾ la municipalizzazione dei servizi, ¾ la gestione territoriale, dei distretti, dei comparti, della inter-settorialità.

Ogni passo intrapreso dovrà confrontarsi con gli intendimenti fin qui espressi ed esprimere tutto l’alto contenuto valoriale a vantaggio dei Cittadini e della Comunità dovrà garantire un ritorno all’eccellenza in ogni settore intrapreso. Da qui partiamo per innescare quel confronto e quella partecipazione che troppo spesso nella nostra comunità sono stati soppressi o evitati. Da qui partiamo per liberare gli spazi fisici e non presenti nella nostra città, per ridare dignità e libertà alle persone in carne ed ossa con le proprie storie, i propri sogni e bisogni.

Non ci negheremo confronti, non ci sottrarremo alla obiezioni, anche dure. Praticheremo quel “camminare domandando” che ci ha insegnato il popolo zapatista per migliorare le condizioni materiali di tutti e tutte, ponendo al centro le idee e le persone. Senza nessun interesse personale e personalistico, liberi da conflitti di interesse, per ridare dignità e libertà. Lo faremo non per noi, ma per tutti.

A tal proposito invitiamo la popolazione tutta la cittadinanza a partecipare, il giorno 12 Aprile alle ore 18:30 presso le sale del Lions Club di Mercato San Severino, ad un’assemblea pubblica per Progettare tutti insieme la città”.

La Redazione