Gino Sorbillo, deciso ad accrescere la propria fama, dopo averlo fatto a carattere nazionale è pronto a conquistare il globo, offrendo personalmente o tramite l’accurata scelta di ottimi pizzaioli, la propria pizza in tutto il mondo. Così, già volato alla conquista dell’America, è a New York, dove ha esportato i piaceri partenopei della vera pizza, impastando con le proprie mani esperte l’oro bianco partenopeo, in modo che la propria bravura e la bontà della sua “creatura” potessero essere conosciute e potessero così spianarsi la strada per il futuro.

Gino Sorbillo New York Pizza
Gino Sorbillo New York Pizza

Dopo Napoli e Milano colonizzate con le proprie Lievito Madre, ed aperto lì, dedicandole entrambe alla pizza fritta, le due Zia Esterina, ora vola oltreoceano per colonizzare con il proprio caratteristico banchetto la Grande Mela, portando in un tempio di modernità, come il Times Square, una delle più grandi tradizioni della cucina napoletana/italiana.

Sembra tutto iniziato col piede giusto per il pizzaiolo napoletano, che dopo aver aperto un banchetto nel bel mezzo di Times Square, ha impastato centinaia di pizze. Una di queste è stata offerta, poi, direttamente dal partenopeo al sindaco di New York Bill De Blasio (non che fosse la prima volta).

Gino Sorbillo New York Pizza
Gino Sorbillo New York Pizza

Ovviamente, per minor fruibilità di materie prime, le pizze che potranno essere offerte saranno solo 7, ma sempre disponibili e sempre fatte con i migliori prodotti. Non saranno sempre le stesse 7 pizze standard, ma si cercherà la novità. Il buon Gino garantisce che: “non ci sarà un menu fisso con pizze banalmente replicate da un capo all’altro del mondo”. 

La peculiarità sarà anche l’accompagnamento delle pregiate pizze, attraverso fiumi dell’italica e ghiacciata birra Nastro Azzurro. 

Il post cena, invece, deve sempre essere dolce, quindi il buon Gino offrirà: dolci, distillati e tanto altro ancora, tutto d’origine campana.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteSanità Campania, ancora incertezza sul commissario
Articolo successivoDa Lucca a Mosca, il viaggio della pace di Tillerson e Mattarella

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.