La NASA sta continuando i suoi studi per capire se è possibile la vita su altri aldilà del pianeta Terra. Di recente un team di scienziati della sonda Cassini ha scoperto che l’oceano ghiacciato della luna di Saturno Encelado potrebbe essere un habitat perfetto per alcune tipologie di organismi microscopici.

La missione congiunta di NASA, ESA e ASI è stata lanciata nel 1997 da Cape Carneval, ma solo nel 2004 arrivarono i primi segnali grazie all’utilizzo da parte del team della sonda Cassini di una particolare antenna progettata a L’Aquila negli stabilimenti Thales Alenia Space. Oggigiorno, dopo ben 13 anni di esporazione intorno a Saturno, gli scienziati sono finalmente giunti alla tanto sperata conclusione: la luna di Saturno Encelado può ospitare la vita.

Encelando ha un diametro di circa 500 chilometri e una temperatura media che si aggira intorno ai 200 gradi sotto lo zero. Al di sotto della sua superficie è presente un oceano di circa 50 chilometri che raggiunge una temperatura di 90°C. Tramite lo strumento Ion Neutral Mass Spectrometer è stato possibile riscontrare nell’atmosfera idrogeno ed anidride carbonica e la presenza di acqua sia allo stato solido che allo stato liquido, elementi che costituiscono una fonte di energia per il metabolismo alimentando l’organismo e favorendone la sopravvivenza.

Jeffrey Seewald, esponente dell’istituto oceanografico Woods Hole ha espresso il suo entusiasmo definendo la recente scopertaun passo avanti importante nel valutare quanto Encelado possa ospitare forme di vita.” . Il prossimo obiettivo degli scienziati sarà quello di capire se queste ipotetiche forme di vita sono giù presenti su Encelado. Per comprendere a fondo la questione la NASA ha lanciato una propria sonda robotizzata in grado di immergersi tra i geyser e le crepe nel ghiaccio dell’oceano del satellite di Saturno. Lo studio è, quindi, ancora da approfondire e sicuramente nel corso dei prossimi mesi seguiranno ulteriori aggiornamenti.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteAsse Italia-Albania, Boeri progetta la nuova Tirana
Articolo successivo“La metamorfosi”: Gregor Samsa, alter ego di Kafka
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.