Attesa per gli interventi della Camusso e di Landini al convegno FIOM-CGIL di venerdì 21 aprile presso l’Hotel Ramada dalle ore 10:00.

Napoli – È per venerdì 21 aprile dalle ore 10:00 alle 17:00 l’appuntamento con il convegno ‘La FIOM in FCA. Contrattare il domani!’ promosso dai sindacati FIOM (Federazione Impiegati Operai Metallurgici) e CGIL (Confederazione Generale Italiana del Lavoro) che si terrà all’Hotel Ramada, per mettere al corrente gli operai dello stabilimento FCA (Fiat Chrysler Automobiles) di Pomigliano d’Arco del loro futuro lavorativo dopo che, il mese scorso, molte tute blu sono state trasferite allo stabilimento FCA di Cassino.

Interverranno al convegno i nomi noti dei sindacati italiani, la segretaria generale della CGIL, Susanna Camusso, il segretario generale della FIOM-CGIL, Maurizio Landini e il responsabile automotive FIOM-CGIL, Michele De Palma. A coordinare il tutto ci saranno Andrea Amendola, segretario generale FIOM-CGIL Campania, Walter Schiavella, commissario della Camera del Lavoro di Napoli e Giuseppe Spadaro, commissario della CGIL Campania. Previsti anche i saluti del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

FIOM CGIL
FIOM CGIL

“Dopo le recenti dichiarazioni di Marchionne in merito allo stop della produzione della Panda a Pomigliano – afferma il commissario Walter Schiavella – i lavoratori hanno il diritto di conoscere il proprio futuro. Siamo stanchi dei falsi proclami, poiché già troppe volte alle dichiarazioni non sono seguiti i fatti. Inoltre, non ci sono certezze sui modelli che dovrebbero essere prodotti nello stabilimento”.

“L’impegno e i sacrifici dei lavoratori di Pomigliano – spiega il segretario Andrea Amendola – meritano una risposta da parte delle istituzioni nazionali e locali che devono intervenire per chiedere conto a FCA delle strategie produttive, ancora inadeguate rispetto a quanto avviene negli altri paesi, dove si stanno mettendo a punto programmi mirati di ricerca e sviluppo a basso impatto ambientale e di mobilità sostenibile”.

Flora Visone

CONDIVIDI
Articolo precedenteGaranzia Giovani fa flop: sit in di protesta alla Regione Campania
Articolo successivoEarth Day, l’ultima chiamata della scienza
Flora scrive da sempre perché le riesce meglio che parlare. Studia Lettere moderne e lavora in una ludoteca. Poesia e bambini, due cose che, messe insieme, un po' la vita la migliorano. Non sa cosa vuol fare da grande ma sa quello che non vuole fare: arrendersi ad una realtà che non ti fa regali, dove il futuro tocca andarselo a prendere da soli.