La Galleria Principe di Napoli ritorna a vivere. Dal 21 Aprile infatti, dopo il successo della scorsa edizione torna la rassegna culturale del Proscenio dei Talenti, organizzata dall’associazione Medea, in collaborazione con l’Assessorato ai Giovani e alla Creatività del Comune di Napoli.

Flora Frate, Presidente di Medea esprime la sua soddisfazione per l’imminente inizio della rassegna, ma non dimentica tutte le difficoltà:’‘Non è stato facile portare avanti questo progetto. Dopo l’inagibilità temporanea della Galleria Principe di Napoli e i lavori di restaurazione che sono subentrati dopo, non è stato facile credere in se stessi e adare avanti nelle attività.
Devo dire grazie – prosegue Flora – alla mia determinazione e a quella di tutto il gruppo, non ci siamo mai fermati ed abbiamo resistito alla tempesta cercando sempre di lavorare con entusiasmo”.

La rassegna che prenderà il via Venerdì 21 Aprile alle ore 15, presso la Galleria Principe di Napoli sarà costituita, da perfomance artistiche, spettacoli, caberet, rappresentazioni teatrali, mostre d’arte e di fotografia sociale, incontri multiculturali, racconti di donne “talentuose”, successi di imprese start up, con l’unico scopo di creare un sincretismo tra luoghi ed eventi, talenti e passioni all’insegna dell’idea della felicità e della bellezza di Napoli.

L’associazione Medea, dunque attende una grande risposta in termini di partecipazione:”Stiamo portando allegria, arte e creatività in Galleria Principe, sarebbe pazzesco perdersi l’evento”.

Infine, l’associazione Medea si augura che il progetto abbia una continuità:”Dal Comune – dice Flora – mi aspetto la volontà politica di costituire, così come Medea ha indicato nel suo progetto originario, la costituzione dell’osservatorio dedicato alla creratività e all’innovazione. Alla fine della rassegna, per garantire una continuità a quello che è stato fatto, ci immaginiamo di segnare un punto di partenza alimentando il network dei partener e di talenti con strumenti utili a tal fine quali il crowdfunding e il fundrising” – conclude Flora.

Libero Pensiero News è tra i media partner dell’evento.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedente“La metamorfosi”: Gregor Samsa, alter ego di Kafka
Articolo successivoBarriere architettoniche: un mondo di figure impossibili
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II