Da uno studio condotto dai ricercatori inglesi dell’Università di Warwick in collaborazione con l’Università del Queensland in Australia è emerso che mangiare frutta e verdura giornalmente aiuta a combattere i sintomi della depressione.

Il team ha condotto dei test coinvolgendo ben 12.385 partecipanti dell’ambito Household, Income, and Labour Dynamics in Australia Survey., i quali, per diversi anni, hanno tenuto un diario alimentare. Una volta ottenute le informazioni si è passato al confronto con altri dati relativi ad altri fattori di vita come occupazione, reddito , stile di vita ed altre condizioni determinanti l’umore.

Grazie all’indagine condotta i ricercatori hanno scoperto che chi assume poca frutta e verdura tende ad avere depressione, stress e disturbi di ansia, mentre, in caso contrario, si manifestano notevoli benefici sull’umore. Gli esperti hanno consigliato ai partecipanti che hanno una bassa alimentazione bucolica di mangiare 8 porzioni di frutta e verdura al giorno e nel giro di 2 anni gli effetti sono stati a dir poco miracolosi.

“Mangiare frutta e verdura a quanto pare aumenta la nostra felicità molto più rapidamente di quanto non migliori la salute umana. Lo stimolo delle persone a mangiare cibi sani è indebolito dal fatto che i benefici fisici, per la salute, come la protezione contro il cancro, si avvertono decenni più tardi” ha spiegato Andrew Oswald, uno degli autori dello studio.

I benefici della frutta e verdura sono notevoli. Un’alimentazione bucolica, oltre ad essere un prezioso alleato contro le malattie cardiovascolari e il cancro, aumenta nel giro di poco tempo l’ottimismo. I vantaggi dell’assumere giornalmente cibi sani e naturali si manifestano così rapidamente sulla nostra psiche perchè essi rilasciano antiossidanti aumentano la concentrazione di carotenoidi nel sangue con conseguenti benefici sull’umore. Considerando che siamo nella bella stagione non c’è nulla di meglio per la nostra salute di un buon frullato rinfrescante di frutta o verdure!

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteKemal Atatürk, perché ora possiamo dire: “Quando c’era lui…”
Articolo successivoPrimo maggio: cari lavoratori, c’è poco da festeggiare
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.