La squadra di Bollini perde in casa contro il Frosinone che riapre definitivamente il discorso secondo posto. I Granata, invece, ricadono a -4 dalla zona playoff.

Dopo l’exploit delle quattro vittorie di fila che l’aveva portata ad un passo dai playoff, la Salernitana subisce un’importante battuta d’arresto che la blocca a quattro lunghezze dall’ottavo posto. Niente di che, ovvio, e per questo bisogna ringraziare le dirette concorrenti che stanno andando a ritmi eccessivamente blandi (una sola vittoria nelle ultime cinque partite per il Bari, due per Spezia e Carpi). Però aver annusato così da vicino l’ottava posizione ed aver sprecato, settimana scorsa, l’occasione decisiva contro un Bari in netta crisi, porta qualche rimorso in casa granata, considerando che non era quella di oggi la partita da vincere. Certo, magari si poteva sicuramente offrire una prestazione migliore, ma il Frosinone è dotato di giocatori di altissimo livello per la categoria, ed è lanciato a tutta velocità nella corsa alla serie A, appena dietro al Verona (mica una squadra qualunque) e alla rivelazione Spal. La cattiveria messa in campo stasera, forse per rimediare all’occasione sfumata contro i cugini pugliesi, si è rivelata controproducente. Due cartellini rossi a referto, per Minala e per Vitale, uno per tempo, sono stati l’emblema di un approccio alla gara sbagliato da parte degli uomini di Bollini che ha permesso ai Ciociari di mettere in ghiaccio la partita dopo appena 16 minuti.

Minala e Ciofani (un gol per lui stasera)

La partita – Il Frosinone inizia subito all’attacco con Maiello che serve Sammarco, il quale, però, non trova il contatto con la palla davanti alla porta difesa da Gomis. I padroni di casa provano a rispondere con Donnarumma che, ricevuta palla da Sprocati, tira colpendo solo l’esterno della rete. Successivamente Zito e Donnarumma tentano di impensierire la difesa avversaria che è ben schierata e non consente ai due di arrivare in porta. All’8′ si spengono subito gli entusiasmi della Salernitana dopo il gol del vantaggio ospite con Mazzotta che con un bel piatto fulmina Gomis dopo aver ricevuto palla da Dionisi. Da questo momento è tutto un crescendo per i Ciociari, mentre i campani iniziano a sentire la pressione e ad innervosirsi sempre di più: appena un minuto dopo, infatti, arriva il primo giallo della gara per Gigi Vitale (che verrà espulso quasi al termine della partita). Al 12′ ci prova Sprocati che trova, però, la respinta di Bardi in calcio d’angolo. Successivamente arrivano gli squilli prima di Dionisi e poi di Terranova a preannunciare la seconda rete per gli ospiti che arriva su autogol sfortunato di Bittante che devia su cross di Mazzotta. I padroni di casa tentano la disperata reazione sfruttando le iniziative di Donnarumma che, al 22′, trova solo l’esterno della rete dopo aver superato Bardi in uscita, di Tuia, che dieci minuti più tardi sfiora il palo su colpo di testa dopo l’uscita (questa volta a vuoto) del portiere scuola Inter. Poco più tardi è Coda a provare un sinistro che finisce solo a lato. Al 48′ la condanna definitiva della Salernitana che perde un impalpabile (ed eccessivamente irrequieto) Minala per un rosso rimediato per aver protestato eccessivamente con il direttore di gara. L’ex Lazio si era reso protagonista precedentemente di un fallo che gli era costato il giallo. Pochissimo dopo Ciofani chiude definitivamente la partita su un generoso calcio di rigore concesso dall’arbitro per fallo di Tuia sul numero 9 avversario. La ripresa vede gli ospiti amministrare tranquillamente il vantaggio e i padroni di casa tentare in maniera disordinata un’utopica rimonta. All’85’ arriva il secondo rosso, questa volta per Vitale che rimedia il secondo giallo per fallo su Mokulu. Poco dopo Coda firma il suo 14° centro stagionale su calcio di rigore evitando quantomeno l’umiliazione di un secco 3-0. La Salernitana resta ferma a 51 punti, al di sotto del Bari (52), Spezia e Carpi (55). Il Frosinone sale a 68 tenendo, così, il Perugia a -8 e avvicinandosi al Verona che ora dista solo un punto.

Fonti immagini:tuttosport.it;sportface.it

Vincenzo Marotta