Nel mese di maggio e di giugno Tolosa diviene una meta ideale per i viaggiatori che desiderano trascorrere un weekend all’insegna del mangiar bene e di un’atmosfera rilassata. Perfetta per un soggiorno breve, Tolosa offre il giusto compromesso per chi desidera una fuga dal quotidiano che comprenda cultura, buon cibo e divertimento. Spesso, infatti, si scelgono mete troppo impegnative per brevi weekend (Parigi, Madrid, Londra) rischiando così di rientrare a casa più stanchi di prima e quasi insoddisfatti per non aver visto e provato tutto.

Per brevi soggiorni sarebbe meglio scegliere quindi delle mete meno ambite dai turisti ma comunque interessanti dal punto di vista storico: Tolosa va annoverata tra queste città. Le attrattive culturali, la posizione a sud-ovest che permette di godere della luce fino a tarda giornata, il numero elevato di giovani e la varietà degli eventi svolti, fanno di Toulouse un’ottima candidata tra le città di Francia che vale la pena visitare.

Dopo aver parlato dei luoghi ed i monumenti più importanti della città, quali sono le specialità di Tolosa e dove mangiarle?

Bisogna premettere che la Francia non è l’Italia e non è Napoli, dove poter mangiare bene a basso prezzo. Scordatevi  quindi il primo piatto e preparatevi ad una cucina a base di carne e di piatti unici. In ogni caso, c’è un’offerta che soddisfa qualsiasi tipo di palato, dal tradizionale all’etnico.

Ecco i luoghi dove poter gustare i piatti tradizionali:

  • L’Entrecôte

Risultati immagini per L'entrecote toulousePer iniziare con un ristorante semplice e poco costoso, si può scegliere LEntrecôte, una catena di ristoranti molto amata in Francia, e presente nelle maggiori città, che propone una formula unica il cui piatto principale,  l’entrecôte per l’appunto, con insalata e patatine fritte à volonté. Nonostante sia una catena e il menu sia standard, la carne è di qualità e la particolarità  è la salsa che accompagna la carne, davvero gustosissima ma segreta – molti hanno cercato di riprodurla ma senza successo. Se si sceglie di ordinare il menu senza vino e dessert la spesa è di 15 euro, mentre con un bicchiere di vino e dolce, che vale la pena prendere perché le porzioni sono abbondanti e buone, il conto arriva a 20-25 euro a persona.

  • La Côté Garonne

È un ristorante rinomato di Tolosa, in cui si può mangiare ottima carne che solitamente viene ordinata in chili quando si è in tanti e viene servita su di un tagliere. Chi non è amante della carne, può scegliere pietanze di pesce alla brace e prodotti di stagione.  Infine è possibile scegliere tra diverse formule, dalla più economica alla più completa. I piatti sono abbondanti e sempre contornati da patatine ed insalata.

  • La Mare aux Canard

Risultati immagini per Le Mare aux canard toulouse

Uno dei piatti tipici francesi è l’anatra, considerata una vera prelibatezza. Quasi tutti i ristoranti di Tolosa la presentano nel menu, ma per andare sul sicuro e provare le canard francese allora La Mare aux Canard è l’ideale. Il menu è tutto a base di anatra e il costo è medio-alto.

  • La Cave au Cassoulet

Risultati immagini per La cave au cassoulet

La Cassoulet è un altro tipico piatto francese a base di fagioli secchi e di carne, conteso dalle maggiori città francesi che ne rivendicano la nascita. Il nome deriva da casseruola, il contenitore in terracotta in cui viene solitamente mangiata. La Cave au Cassoulet è un luogo rustico che propone diversi piatti oltre la cassoulet, sempre in porzioni abbondanti e accompagnata con fette di pane.

  • Flower’s café

Risultati immagini per flowers cafe toulouse

Dopo tutti questi piatti c’è bisogno di un dessert! La Francia ha una lunga tradizione di dolci e a Tolosa molte sono le sale di thè o caffè che ne propongono di ottimi. Rinomato per la bontà delle torte e per la piacevolezza del luogo è il Flower’s café che si apre su di una piccola piazzetta proprio nel centro storico della città. Bon Appétit!

Agnese Cavallo

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl dramma dei centri di accoglienza per migranti
Articolo successivoSenna, il ‘migliore’, che cambiò le sorti dell’automobilismo
Agnese Cavallo, nasce a Napoli il 14 novembre 1985. Da sempre appassionata di classicità, da quando il padre le raccontava i miti greci e l’Odissea in lingua napoletana, decide che la letteratura e le materie umanistiche saranno il suo futuro. Si iscrive, così, al Liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici (Na) e continua l’esperienza umanistica alla Facoltà di Lettere Moderne della Federico II di Napoli. Consegue la Laurea triennale e magistrale, presentando una tesi sull’opera di Francesco Mastriani , importante giornalista e scrittore di feullitton napoletano di fine ‘800. Il giornalismo, infatti, è da sempre una passione e quasi una missione. Convinta che i giornalisti siano spesso persone lontane dalla realtà, pronti, più che alla denuncia alla gogna mediatica, nei suoi articoli preferisce una sana soggettività volta all’etica e al sociale, anziché un’oggettività moralistica e perbenista. Nel febbraio 2012 inizia la sua esperienza con il giornale “Libero Pensiero News” occupandosi di sociale, cronaca, cultura e politica. Il suo argomento preferito? Napoli, tra contraddizionie e bellezza.