Contro i quiz INVALSI e l’Alternanza, Venerdì 5 Maggio tornano in piazza le studentesse e gli studenti degli istituti superiori della Campania per un Flash mob all’Ufficio Scolastico Regionale della Campania.

Nelle ultime settimane, infatti dura è stata la presa di posizione assunta dagli studenti, come si evince dalle parole del Coordinatore regionale della Campania dell’Unione degli Studenti, Gigi Cannavacciuolo: “Venerdì 5 Maggio andremo sotto all’Ufficio Scolastico Regionale per denunciare quello che sta succedendo nelle scuole in queste settimane di avvicinamento ai test Invalsi nelle classi seconde: da una parte la didattica e lo svolgimento dei programmi sono stati completamente fermati e sostituiti dall’esercitazione per i test a crocetta, dall’altra parte docenti e dirigenti girano nelle classi a minacciare tutte quelle e tutti quelli che promuovono il boicottaggio e hanno intenzione di boicottare, facendo una vera e propria campagna di terrorismo psicologico e di disinformazione. Noi riteniamo inutili e dannosi questi test che ormai, con il passaggio delle deleghe, avranno una centralità sempre più assurda nella nostra vita quotidiana”.

Cannavacciuolo, poi prosegue ed attacca: ”Siamo assolutamente contrari a questi test che si nascondono dietro alla statistica per classificare le scuole e finanziarle a seconda del proprio rendimento, proprio come vere aziende in competizione tra loro. Così facendo si stimola alla creazione di scuole di serie A e di serie Z con il risultato di accrescere ulteriormente le diseguaglianze. La compilazione di questi test, infine, sarà obbligatoria per accedere all’esame di stato e in seguito nulla ci dice che non potranno essere tenute conto per l’accesso e la pre-selezione all’università: un vero e proprio ostacolo al diritto allo studio!
Inoltre saremo lì anche per contestare questo sistema di alternanza scuola – lavoro: ad oggi la popolazione studentesca non è tutelata. La maggior parte dei percorsi rappresentano un vero e proprio sfruttamento, una perdita di tempo spesso slegata dal percorso di studi e lontana dagli interessi delle studentesse e degli studenti, cose che rappresentano il vero intento della Buona Scuola e il suo legame con il Jobs Act”.

Le richieste degli studenti passano necessariamente per l’approvazione dello Statuto delle studentesse e degli studenti in alternanza scuola – lavoro, frutto di centinaia di assemblee.
Ci armemo di pentole e cartelloni – conclude il responsabile regionale campano dell’Uds – facendo rumore fino a quando la Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, Luisa Franzese, non scenda a prendersi impegni davanti alle studentesse e agli studenti”.

Quella dei Test INVALSI è davvero una brutta storia, dal 2018 infatti, gli studenti di Terza Media dovranno vedersela con le modifiche apportate alle prove di valutazione, mentre i cambiamenti coinvolgeranno il mondo dei maturandi solo dal 2019. Ci saranno quindi i Test Invalsi d’Italiano, Matematica ed Inglese che si svolgeranno prima dell’esame finale e saranno un requisito indispensabile per l’ammissione all’esame stesso.

La giornata del 5 Maggio sarà solo la prima delle tante mobilitazioni organizzate dagli studenti, tra cui quella del 9 Maggio, dove l’Unione degli Studenti per l’occasione ha chiamato un’altra data nazionale di mobilitazione.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteMarine Le Pen copia il discorso di François Fillon (VIDEO)
Articolo successivoGridas, prosegue la lotta con le produzioni “dal basso”

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II