Dalla comune passione per la scrittura e dall’amore per la letteratura, di qualsiasi genere essa sia, nasce La voglia di nanocaffè, concorso-tour indetto da Benedetta De Nicola e da Pietro Damiano, poggiante sulla fusione dei testi dei due autori napoletani, ossia il romanzo ‘La voglia di caffè’ pubblicato da dreamBOOK edizoni, e la silloge ‘Tutte le storie del mondo – Nanoracconti da 250 battute (spazi inclusi)’, edito da Homo Scrivens.

voglia di nanocaffè benedettaPartito lo scorso mese, La voglia di nanocaffè lancia ai partecipanti una sfida ardua e al tempo stesso allettante: condensare in 250 battute spazi inclusi tutto quel che si prova di fronte a una delle otto fotografie scattate da Sergio Galano, ritraenti un oscuro personaggio – protagonista del romanzo di Benedetta – mentre contempla i panorami mozzafiato del golfo partenopeo e della costiera sorrentina. Dunque, un esercizio letterario ed emotivo per niente facile, che spinge gli aspiranti nanoscrittori a circoscrivere la propria vena lirica all’essenziale, facendo attenzione a non svilirla.

‘Il concorso sta andando davvero alla grande, la partecipazione, contrariamente a quel che ci aspettavamo, è cospicua, eppure siamo solo agli inizi’ hanno dichiarato entusiasti i due organizzatori, già alle prese con la scelta delle location per le premiazioni. Non ci sarà, infatti, un unico evento, ma un vero e proprio tour di nanopresentazioni durante le quali gli scrittori emergenti potranno avere finalmente la visibilità che desiderano. Il vincitore non sarà uno: a trionfare sarà non solo chi accontenterà i gusti della giuria – che sarà svelata pian piano nel corso dei mesi – ma anche chi otterrà più like sulla pagina facebook di Benedetta; addirittura ci sarà un primo classificato per ognuno dei luoghi coinvolti.

La prima trance de La voglia di nanocaffè si chiuderà domani. Sabato sapremo chi saranno i primi ad aggiudicarsi La voglia di caffè e Tutte le storie del mondo, oltre che l’opportunità di presentarsi al pubblico. L’appuntamento è al Dama caffè di Napoli alle ore 18: gli amanti di carta e inchiostro non potranno assolutamente mancare.

Anna Gilda Scafaro

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’AvaNposto Numero Zero presenta Voti di Carlo Guitto
Articolo successivoUniversità, tra i suicidi e il disagio di una generazione di studenti
Laureata in Lettere Moderne e specializzanda in Filologia Moderna presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Anna Gilda Scafaro aspira a diventare una buona insegnante e una valida giornalista. Appassionata di scrittura e amante dei libri, nutre un forte interesse per l’Arte in tutte le sue sfaccettature più belle e complicate. Sogna di visitare i più rinomati musei europei e mondiali e di viaggiare alla scoperta delle storie più arcane e affascinanti che si celano nel cuore delle grandi e piccole città. Attualmente scrive per Libero Pensiero News, occupandosi della sezione Cultura.