Tutti lo attendevano, tutti lo invocavano, e Higuain ha risposto presente. Doppietta per l’argentino che permette alla Juventus di espugnare il “Louis II” di Montecarlo nella semifinale di andata di Champions League. Due reti in risposta alle voci che giravano malignamente che volevano un Pipita decisivo solo in campionato. L’ex Napoli risponde alla sua maniera, nell’unico modo che, grazie al dono del dio calcio, sa fare. Di rapina, di potenza, di precisione con la  partecipazione straordinaria di Dani Alves, assistman in entrambe le marcature, nella fattispecie in zona più avanzata rispetto agli standard juventini, causa l’inutilizzo di Cuadrado per scelta tecnica.

Già le scelte di Allegri. Il buon Max, in risposta alla velocità e alle 146(!) reti in stagione del Monaco, si copre inserendo il campione del Mondo Barzagli sull’ out di destra. Marchisio, a sostituire lo squalificato Khedira, ha garantito qualità e quantità senza far rimpiangere l’ex Real. La solita grinta di Mandzukic e l’estro di Dybala in appoggio a Higuain hanno girato lo stesso film che gli appasionati di calcio stanno ormai ammirando negli ultimi mesi. L’asso argentino dà il là all’azione del primo gol, liberando Dani Alves con una magia e stravincendo la sfida a distanza (non molta a dire il vero) con il baby fenomeno Mbappé.

Ecco il francesino, capace di segnare cinque reti da quando è iniziata la fase ad eliminazione diretta, è stato domato dalla difesa juventina in maniera egregia. Poco campo lasciato libero al velocissimo attaccante e raddoppi nel caso ce ne fosse il bisogno. E quando tutte le accortenze non sono bastate, ci ha pensato il solito Buffon. Attento come sempre il portierone azzurro (sono 100 in Champions per lui) si supera nel finale, quando su calcio da fermo manda sulla traversa un colpo di testa, rievocando ai nostalgici la magica parata su un altro francese, Zidane, ai Mondiali in Germania. Falcao non preoccupa, Bernardo silva non punge, Jardim le prova tutte inserendo Germain e Traore, ma la difesa della Juventus ( solo due le reti subite in Champions fin qui) ne esce ancora una volta vincitrice.

Ora sulla rotta per Cardiff c’è ancora una stazione, Torino, martedì prossimo per la sfida di ritorno, per nulla scontata, per niente facile. Contemporaneamente da Madrid sarà in partenza un altro treno che molto probabilmente sarà guidato da questo signore qui: Cristiano Ronaldo.

Cristiano Ronaldo, autore di una tripletta nella semifinale contro l’Atletico (foto Sky Sports)

fonte immagine in evidenza: www.superscommesse.it

Ivan D’Ercole

CONDIVIDI
Articolo precedenteColtivare la terra, su Marte si può
Articolo successivoAcerra, intervista alla candidata sindaco Carmela Sermino
Laureando in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, amo la storia e nutro un profondo interesse per la politica e la geopolitica. Lo Sport è la mia passione, il Calcio la mia vita, conoscere e raccontare le sue storie più belle il mio obiettivo.