Anche a Melito, il prossimo 11 Giugno, i cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere il Sindaco e chi farà parte del prossimo consiglio comunale.

Dopo le polemiche dei mesi scorsi che hanno portato il Comune al Commissariamento, in seguito alla sfiducia dell’ex Sindaco Venanzio Carpentieri (peraltro nuovamente in campo) i cittadini si augurano di uscire presto da questa fase di stallo.
A contendersi la poltrona di primo cittadino melitese saranno in quattro: Carpentieri, D’Angelo, Caiazza e Amente.

Il nostro viaggio alla scoperta dei candidati inizia con Lello Caiazza, giovane Avvocato sostenuto da demA, la civica MELITO ADESSO e la componente ecologista dei VERDI.

Com’è nata la sua candidatura?
La candidatura è nata da un folto gruppo di giovani,li chiamo giovani eroi che hanno deciso di dire basta alla vecchia politica e ai vecchi sistemucci di partito che hanno bloccato per anni interi lo sviluppo della nostra città. Questo non solo dal punto di vista sociale, ma sopratutto a livello amministrativo.

L’esperienza di De Magistris nella città di Napoli è ripronibile realmente anche a Melito?
E’assolutamente riproponibile, anzi ne rappresenta un faro. Negli anni, spesso i problemi non sono mai stati realmente risolti, poichè non vi è stato chi ha avuto la volontà di risolverli. Siamo orientati a scontentare cento, per accontentarne diecimila. Esistono, infatti categorie che negli anni non sono mai state protette. Una delle prime questioni che proveremo a risolvere è relativa ai marciapiedi, i quali sono occupati dalle merci. Pensiamo che affrontare la questione non rappresenti andare contro i commercianti, bensì tutelarli.

Sull’autocandidatura avveuta nei giorni scorsi dell’imprenditore colpito dalla camorra, Luigi Leonardi
Le confesso, innanzitutto che non ero assolutamente a conoscenza che Leonardi si presentasse alla riunione organizzativa. La cosa ci ha riempito d’orgoglio e durante questa riunione, oltre a darci sostegno morale, ci ha dato la sua disponibilità a far parte della squadra di Governo. Cercheremo di andare a scardinare un sistema.

Sul riutilizzo dei beni confiscati dalla camorra sono già stati individuati a Melito e in che modo pensate di utilizzarli?
I beni confiscati ci sono a Melito. La procedura, per una questione del tutto formale ancora non è stata ultimata. Manca un ultimo passaggio. Questo sarà un altro dei primi punti che affronteremo, poichè intendiamo dare un chiaro segnale alla città per dimostrare che la nostra amministrazione sta da un sola parte e non saremo oggetto di ambiguità e i colletti bianchi saranno lontani. I beni confiscati li destineremo ad associazioni e a chi ha la necessità di utilizzarli per la crescita culturale ed economica della città.

Se Lello Caizza diventa Sindaco?
Marciapiedi liberi e il ristabilire le regole di questa città. Poi ci occuperemo della pulizia del paese. Purtroppo la questione della spazzatura che è presente ancora per strada e su questo saremo rigidi sul rispetto del contratto tra l’azienda e il Comune. Ci occuperemo, insomma innanzitutto dell’ordinario.

www.lellocaiazza.it

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteArriva il Napoli Motor Show, dal 19 al 21 maggio
Articolo successivoPremio Innovazione 2017, Napoli protagonista assoluta

Nasce a Napoli.
Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli.
E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009.
È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”.
Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli.
Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell’Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell’Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli l’Orientale.
Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli.
Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo.
Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna.
Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l’incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia.
Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato.
Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ”GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE” organizzato dalla Testata Giornalistica ”Libero Pensiero News”, insieme all’Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università degli studi di Napoli Federico II