Da anni – in Campania come nel resto d’Italia – si parla insistentemente della crisi del lavoro e della disoccupazione, in particolare quella giovanile.

Giorni fa i media riportavano la notizia della chiusura dello storico Salumificio Spiezia con la conseguente perdita del lavoro da parte di 84 dipendenti. A Somma Vesuviana la situazione che si presenta è la stessa.

La Mibex, l’industria che si occupa della produzione dei cuscinetti delle ferrovie, è in crisi e ha fatto scattare le lettere di licenziamento a 70 operai. Da giorni ormai i lavoratori sono fermi in presidio dinanzi alla fabbrica, sita in via San Sossio, aspettando un risvolto nella vicenda.

L’azienda, però, in questo caso sembra essere irremovibile: in una nota congiunta dei sindacati Fiom, Fim, Uilm e Failms si legge che «le organizzazioni sindacali e la funzionaria della Regione Campania hanno tentato in tutti i modi di convincere l’azienda a trovare soluzioni alternative ai licenziamenti. Tutto ciò non è stato possibile e 70 lavoratori stanno per perdere il posto di lavoro. Si tratta di lavoratori giovani con famiglie monoreddito, tutto questo in un territorio come quello di Somma Vesuviana già colpito duramente dalla crisi industriale e dalla disoccupazione».

Ma non è la prima volta: lo scorso inverno i lavoratori della fabbrica lamentavano il mancato pagamento e tra di loro c’era chi rischiava di andare in cassa integrazione. L’agitazione si manifestò in maniera ancor più rilevante quando la Mibex rese noto di aver un buco di bilancio di oltre 400mila euro.

Per risanare il debito, l’industria propose agli operai di versare il proprio Tfr alla stessa azienda. Nel frattempo, i dipendenti non percepivano lo stipendio da tre mesi. Infine, il risanamento avvenne grazie ad un accordo tra la Regione Campania e la Mise. A distanza di mesi la situazione si presenta nuovamente. Intanto, mentre l’amministrazione è assente e si consumano le passerelle politiche in vista delle elezioni, da giorni i 70 lavoratori non mollano e si battono per mantenere il proprio posto di lavoro in attesa di risposte coerenti.

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli, Forza Italia e le Universiadi in crociera
Articolo successivoFuturo Remoto: Viaggio nel corpo umano nel tempo
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.