Tutto si è deciso negli ultimi minuti. L’ennesimo poker del Napoli, ottenuto sul campo della Sampdoria, non è bastato per centrare la qualificazione diretta in Champions League in un campionato in cui sono stati battuti innumerevoli record, ma che lascia un po’ di amaro in bocca a tutti i tifosi partenopei.

Per quest’ultima gara di campionato vi erano emozioni forti a farla da padrone, soprattutto all’Olimpico di Roma dove, quest’oggi, c’è stato l’addio al calcio giocato di Francesco Totti, un simbolo per tutti noi che amiamo questo sport; un campione che ha deciso di vivere la sua intera carriera nella sua città, con indosso i suoi colori.

A Marassi il Napoli era atteso da numerosissimi tifosi al seguito che hanno sperato sino alla fine in un miracolo che fino agli ultimi secondi si era compiuto. Il Genoa era sul 2-2 a Roma e il Napoli aveva dato, ancora una volta, dimostrazione di grande forza vincendo per 4-2 con il solito gioco spumeggiante e con un goal strepitoso di Insigne.

Purtroppo in questa gara viene scritta una storia non vincente per il Napoli che si ritrova addirittura al terzo posto in classifica nonostante i numeri da capogiro. Ma tutti i tifosi azzurri hanno fiducia nel futuro, soprattutto dopo alcune conferme arrivate dalle firme di Insigne e Mertens e, si spera, di altri preziosi perni di questa squadra che oltre ai record sogna di portare importanti successi all’ombra del Vesuvio. Quel Vesuvio che tante volte viene incitato in beceri cori razzisti dei tifosi in quasi tutti gli stadi d’Italia offuscando il vero senso dello sport.

Nella giornata conclusiva non stiliamo la consueta pagella per i calciatori azzurri che salutiamo e ringraziamo per la splendida stagione, insieme a voi che ci seguite su Libero Pensiero News, in attesa delle prossime gare ufficiali. Grazie per averci seguito sempre numerosi.

Salvatore Annona

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSe l’integrazione non è un’alternativa, ma una necessità
Articolo successivoIntervista a Meri Calvelli: «Vivere a Gaza è resistere attraverso l’arte»
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here