La sesta edizione del Mediterraneo Antirazzista si è conclusa. Due giorni, il 2 e il 3 giugno, all’insegna dello sport inteso come inclusione sociale, dibattiti, parate e tanta solidarietà.

mediterraneo antirazzista

La manifestazione si è svolta nello stesso periodo in cui oltre 1400 migranti sono sbarcati a Napoli. La catena della solidarietà è partita immediatamente da parte degli attivisti e dei cittadini confermando come la città sia per l’accoglienza e l’integrazione. Il Mediterraneo Antirazzista ha proprio lo scopo di fornire punti di riflessione e di sensibilizzare i bambini e i ragazzi sul tema delle relazioni interculturali attraverso una serie di tornei e molto altro.

La manifestazione è stata inaugurata venerdì 2 giugno, giornata in cui i cittadini e le associazioni del territorio di Scampia promotrici dell’evento si sono riuniti dinanzi alla sede del Centro Territoriale Mammut per dare avvio alla parata, curata dalla Bandabaleno, per giungere ai campi dell’Arci Scampia. L’evento è stato molto partecipato e numerose squadre di giovani di diverse fasce d’età provenienti da diverse zone di Napoli hanno preso parte ai tornei.

mediterraneo antirazzista

mediterraneo antirazzista

È stato presente, inoltre, il banchetto del comitato “Ero straniero – l’umanità che fa bene” che ha raccolto le firme per inviare una nuova proposta di legge al Parlamento che tuteli i migranti. L’accoglienza e la solidarietà che il Paese offre ai migranti è notevole, ma non è sufficiente. L’obiettivo del comitato è quello di raccogliere entro novembre 50mila firme per designare una nuova legge che possa offrire delle opportunità e delle alternative concrete attraverso la promozione del regolare soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa.

Le partite si sono disputate fino a sera e poi è stato dato il via alla cena solidale. Il secondo giorno la location è restata sempre la stessa della mattina ed è stato presentato il progetto Pangea. Nei pressi dell’Arci Scampia si estende un enorme area verde che da due anni, grazie a questo progetto, viene curata dalle scuole e dalle associazioni.

mediterraneo antirazzista

mediterraneo antirazzista

L’area è stata rinominata il ”Giardino dei cinque continenti e della non violenza”. Ogni istituito con l’appoggio di un’associazione si sta dedicando alla riqualifica di un’aiuola. Ognuna di queste aiuole è dedicata ad un personaggio della storia che ha trascorso una vita dedita alla non violenza. La mattinata è proseguita all’Arci Scampia dove si è formata un’assemblea delle Voci del Mediterraneo. È stato un incontro di esperienze e testimonianze che ha coinvolto diverse realtà del territorio in uno scambio reciproco di idee e un modo per fare rete.

I tornei poi sono proseguiti nel pomeriggio nei campetti di via Lieti di Capodimonte, spazio inutilizzato da tempo a causa della mancata manutenzione da parte dell’amministrazione.

mediterraneo antirazzista

mediterraneo antirazzista

La giornata si è conclusa con le premiazioni di rito. Un altro Mediterraneo Antirazzista è passato e  l’affluenza di partecipanti ha confermato ancora una volta come il territorio abbia voglia di cambiare e come, anche nei gesti più semplici, è propenso all’integrazione e ai rapporti interculturali.

Maria Baldares

CONDIVIDI
Articolo precedenteCommissario Sanità Campania, lo stallo prosegue
Articolo successivoCastel San Giorgio, corsa a tre alle elezioni comunali
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here