La serie di documentari “Stanotte a…” condotti da Alberto Angela hanno avuto un successo senza precedenti su Rai1. L’ultimo, “Stanotte a San Pietro – Viaggio tra le meraviglie del Vaticano”, ha fatto registrare quasi sei milioni di telespettatori con uno share del 25.40%, superando i risultati di “Stanotte Al Museo Egizio” e “Stanotte a Firenze”.

Il 13 giugno alle 21.20, sulla rete ammiraglia, arriva l’attesissimo “Stanotte a Venezia”, dove è protagonista la romantica città lagunare al calar delle tenebre. Nell’ora in cui si amplificano affascino e mistero, prenderà corpo un palcoscenico su cui si muovevano personaggi come Goldoni, Vivaldi, Marco Polo e Casanova. Il viaggio di Alberto Angela ci mostrerà celebri capolavori che si trovano a Venezia, come la Tempesta del Giorgione o l’Uomo vitruviano di Leonardo, fra i marmi preziosi e l’oro dei mosaici, il silenzio della laguna e il buio delle storiche prigioni. Tutto richiama Bisanzio e le rotte verso Oriente, tutto ricorda il coraggio dei mercanti e degli esploratori e la costruzione di una Repubblica che, per lunghi secoli, ha goduto di una piena indipendenza, rendendo la Serenissima un’esperienza unica nel panorama degli antichi stati italiani.

Con Alberto Angela si scoprirà come si eleggeva il doge di Venezia, come si costruiva una gondola o le robuste galee destinate a garantire a Venezia il dominio dei mari. Tante domande troveranno una risposta.

Cosa rende unici i preziosi vetri di Murano?

Come dipingeva Canaletto le sue vedute?

E come realizzava Tintoretto i suoi immensi teleri?

Viaggiando alla scoperta di una società che amava ricchezza e raffinatezza, lusso e musica, gioco d’azzardo e belle cortigiane, il giornalista si spingerà anche dove il turista non può arrivare. E sotto il soffitto del Palazzo Ducale o dietro le quinte della Fenice farà incontri davvero inaspettati, come un dinosauro in Canal Grande. In giro nella laguna Angela sarà accompagnato da Lino Guanciale, ospite d’eccezione nei panni di Giacomo Casanova.

“Stanotte a Venezia”, come i documentari precedentemente trasmessi, si avvale della tecnologia 4K HDR, spettacolari riprese con droni, effetti speciali e mini-fiction al servizio di una grande operazione culturale di Rai1, che verrà trasmessa anche sul canale RAI 4K disponibile al 210 della piattaforma satellitare. Il programma, diretto da Gabriele Cipollitti, è realizzato interamente da professionalità Rai. La serie di documentari ha l’obiettivo di mostrare al grande pubblico quei posti italiani, ricchi di storia e cultura, nella loro immensità notturna.

Fonte Ufficio Stampa Rai

Enrica Leone

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteGolden State non fallisce il secondo match point: è titolo!
Articolo successivoCatalogna, indipendenza e referendum: soltanto un sogno?
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.