Un team di ricercatori dell’Università Campus Bio-Medico di Roma in collaborazione con l’Ateneo di Oxford ha ideato un orologio da polso in grado di poter capire se il tremolio nervoso delle mani è dovuto al Morbo di Parkinson oppure al tremore essenziale, malattia che non presenta evoluzione progressiva.

Gli esiti della ricerca italo-britannica sono stati da poco pubblicati sulla rivista scientifica ‘Brain’ e presentati al congresso internazionale sul Parkinson e disturbi del movimento di Vancouver. Lo strumento è stato testato su un grande numero di pazienti portando a risultati eccellenti.

Il dispositivo funziona grazie ad un accelerometro posto sotto il quadrante e nel giro di 10 secondi fornisce una precisa diagnosi. L’obiettivo dell’invenzione è fornire supporto nella prevenzione limitando la percentuale dell’errore diagnostico.

Al momento i giudizio clinici effettuati tramite l’orologio appaiono di gran lunga superiori rispetto a quelli forniti dai metodi tradizionali: una normale diagnosi clinica può presentare un errore diagnostico fino al 40% in caso di tremore essenziale e 20% in caso di Parkinson, mentre con questo speciale orologio si riduce in entrambi i casi all’8%.

Il dottor Lazzaro Di Biase, neurologo presso l’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma e autore della ricerca ha spiegato meglio il funzionamento del proprio brevetto: ‘’Il segreto sta tutto nel particolare algoritmo brevettato dagli scienziati, capace di predire in modo automatico la diagnosi del paziente, partendo dall’analisi del tremore. Il sistema funziona anche con la tecnologia laser, registrando la velocita’ di movimento di un dito sul quale e’ stata applicata della carta riflettente.’’

Anche se questa geniale invenzione fornisce una diagnosi accurata, ad oggi non esiste nessuna terapia risolutiva per i malati di Parkinson. La speranza di Di Biase e del suo team è quella di poter rallentare un giorno il decorso della malattia. Si auspica, grazie agli studi e alla sperimentazione, il loro obiettivo diventi un giorno realtà.

Eugenio Fiorentino

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteUSA: la Champions diventa Social. Da Settembre partite in diretta su Facebook
Articolo successivoFCA, è previsto per venerdì lo sciopero
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here