Il gruppo hacker di Anonymous ha diffuso un video in cui si dichiara che la Nasa sta per annunciare al mondo intero la scoperta di vita su un particolare esopianeta. Notizia non ancora ufficiale e, quindi, da accogliere con la giusta cautela.

Le importanti conquiste tecnologiche nel campo dell’osservazione spaziale ci hanno portato, negli ultimi anni a scoprire diversi aspetti dei pianeti del nostro sistema solare finora sconosciuti e anche di molti esopianeti al di fuori del nostro sistema planetario. Tra questi, molti hanno caratteristiche tali (rocciosità, temperature superficiali ecc.) da poter essere considerati come potenzialmente adatti ad ospitare la vita così come si è sviluppata sul pianeta Terra. Secondo Anonymous, subito dopo la notizia che sono stati scoperti altri 219 esopianeti, di cui alcuni rocciosi e ancora con caratteristiche tali da poter ospitare la vita, la Nasa starebbe per annunciare una clamorosa scoperta: si tratta di pianeti che orbitano nella cosiddetta fascia di Goldilocks, ovvero ad una distanza media dal proprio astro che consente l’esistenza di acqua nello stato solido, liquido e gassoso.

Nell’ultimo incontro della Us Science Space and Technology committee della Nasa, uno dei loro portavoce, il professor Thomas Zurbuchen ha dichiarato che la nostra civiltà è molto vicina nello scoprire prove di vita aliena nel cosmo.

Siamo certamente di fronte ad una notizia, forse, un po’ troppo enfatizzata e, nella migliore delle ipotesi potrebbe riferirsi alla scoperta dell’esistenza dei primi mattoni della vita su altri pianeti, ma sarà molto difficile ipotizzare l’eventualità di scoprire esseri umani bipedi su uno di questi esopianeti scoperti ultimamente.

Le ricerche continuano e la voglia di trovare esseri umani su altri pianeti è grandissima, ma al momento occorre restare razionali e accettare il fatto che, per il momento, almeno nelle nostre “vicinanze” siamo ancora soli.

Salvatore Annona

CONDIVIDI
Articolo precedenteConfederations Cup: la Germania dei giovani splende nel segno di Goretzka
Articolo successivoTerremoti, CNR ed Ingv a caccia di potenziali pericoli nel mar Ionio
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).