Il calciomercato entra nel suo mese più intenso, in cui verranno pianificati e messi a segno alcune delle operazioni più significative di questa sessione, mentre l’Eredivisie si prepara ad una delle più calde estati degli ultimi anni.

Juninho Bacuna, centrocampista centrale in forza all’ F.C. Groningen, è riuscito ad imporsi come uno dei giovani più talentuosi che attualmente militano in Eredivisie.

Il diciannovenne, originario del Paese di Curaçao, nasce proprio a Groningen, dove ha la fortuna di iniziare anche la sua carriera calcistica. Fratello minore di Leandro Bacuna, centrocampista venticinquenne dell’Aston Villa, il giovane Juninho comincia a farsi notare sin da giovanissimo, facendosi strada attraverso l’Under 19 dell’F.C. Groningen, con la quale mette a segno 2 gol in 12 presenze.

Fisicità e carattere contraddistinguono la personalità del giovane centrale olandese, che riesce a migliorare durante l’anno passato in Under 19 anche sotto l’aspetto tecnico, portandolo a vestire la maglia titolare dell’Under 21 in più di un’occasione.

Passato definitivamente in Under 21, Juninho Bacuna concentra l’interesse di molte altre squadre dell’Eredivisie con prestazioni di alto livello: 12 gol in 22 presenze da centrocampista, riuscendo a guadagnarsi la fiducia dell’allenatore dell’FC Groningen, Ernest Faber, che lo porta in prima squadra durante l’anno appena trascorso.

L’F.C. Groningen ha chiuso il campionato all’ottavo posto in classifica, perdendo oltretutto i playoffs, contro l’AZ Alkmaar, ad inizio stagione valevoli per la qualificazione all’Europa League . Una stagione di luci e ombre, che ha contraddistinto anche le prestazioni del giovane centrale Juninho Bacuna: in 24 presenze mette a segno 1 gol e 4 assist per i compagni, riuscendo a procurarsi 4 cartellini gialli e due espulsioni dirette.

Il suo allenatore lo ha definito: «un ragazzo con un futuro brillante», ma il giovane talento del F.C. Groningen ha dimostrato anche di esagerare nell’espressione della competizione agonistica, rovinando molte delle prestazioni di buon livello che ha saputo offrire durante questa passata Eredivisie. La sua elevata statura e capacità tecniche, tuttavia, lo rendono un profilo interessante per rafforzare qualsiasi tipo di centrocampo; e la sua adattabilità, completata con una discreta visione di gioco, possono portare Juninho Bacuna  a diventare uno dei giovani più promettenti di tutta l’Eredivisie.

Niccolò Inturrisi

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteRapporto Ecomafie: trend positivo, ma la strada è ancora lunga
Articolo successivoNapoli: Cos’è successo al mercatino di via Bologna dopo lo sgombero?
Nasce il 26 febbraio 1995 a Firenze, dopo aver terminato gli studi liceali nel 2015 lascia l’Italia e si trasferisce con la famiglia in Olanda, ad Amsterdam. Ora continua a lavorare come magazziniere in attesa di intraprendere gli studi. Il libro che lo ha colpito più di tutti è stato “La bestia umana” di Zola. Se proprio gli chiedessero di scegliere un autore preferito, opterebbe però per Dostoevskij. Coltiva molte altre passioni, tra cui la musica, nella quale si è cimentato per qualche anno suonando chitarra elettrica e basso. Ascolta tutti i generi possibili e il suo gruppo preferito in Italia restano gli Zen Circus, anche se adora De Andrè e Lucio Dalla (ma ne potrebbe citare molti altri), ma il suo primo amore rimangono i Pink Floyd. Grazie alla famiglia si porta dietro praticamente da tutta la vita la passione per il cinema. Adora Fellini e Monicelli, ma non disdegna anche registi esteri come Lynch, Scorsese e Tarantino.