Dal 14 al 22 luglio, per tutta la durata del Giffoni Film Festival, l’organizzazione non governativa Amnesty International, da sempre impegnata nella difesa dei diritti umani, prenderà parte alla kermesse con attività e proposte educative.

Amnesty International Italia è presente al Giffoni Experience da oltre 20 anni, una collaborazione che permette all’organizzazione di promuovere la conoscenza e la consapevolezza delle violazioni dei diritti umani nel mondo attraverso laboratori e attività dedicate.

Nel corso della 47esima edizione della rassegna cinematografica, attiviste e attivisti di Amnesty International raccoglieranno disegni e messaggi di solidarietà per Tep Vanny, simbolo dell’attivismo pacifico in Cambogia attualmente in prigione a causa della sua coraggiosa determinazione a difendere i diritti degli altri. Da circa 10 anni Vanny difende il diritto all’alloggio della sua comunità di Phnom Penh, dove migliaia di famiglie vengono sgomberate con la forza dalle loro abitazioni per fare spazio ad abitazioni di lusso. Il 23 febbraio 2017, Vanny è stata condannata a due anni e mezzo di reclusione per aver preso parte a una protesta pacifica contro gli sgomberi forzati nei pressi della casa del primo ministro, a Phnom Penh, nel 2013.

Amnesty International
Tep Vanny

È la terza volta che Tep Vanny viene arrestata e condannata per aver preso parte o coordinato proteste pacifiche: la prima volta, nel 2012, a due anni e mezzo e la seconda, nel 2014, a un anno. Il governo cambogiano sta tentando di metterla a tacere per spaventare chi avesse intenzione di comportarsi come lei.

Nonostante le sfide che affronta quotidianamente, Vanny ha mantenuto la sua determinazione e continua a portare avanti con coraggio la sua infaticabile battaglia per la giustizia.

L’azione rientra nella campagna globale di Amnesty International denominata “CORAGGIO“, lanciata a maggio 2017, che chiede agli Stati di riconoscere la legittimità del giffoni film festivallavoro dei difensori dei diritti umani, ovvero coloro che si battono per la dignità e l’uguaglianza dei diritti di ogni persona, e di assicurare la loro libertà e la loro sicurezza. Per tutta la durata del festival, inoltre, attiviste e attivisti di Amnesty International proporranno laboratori didattici su altre campagne internazionali come, per esempio, “I Welcome” in favore dei diritti di migranti, rifugiati e richiedenti asilo, invitando giurate e giurati e loro accompagnatori a partecipare a giochi e attività.

Alla conclusione del festival, selezionati da una giuria di Amnesty International, saranno consegnati il Premio Amnesty Giffoni Film Festival 2017 e il Premio Amnesty Corto Giffoni Film Festival 2017 rispettivamente al lungometraggio e al cortometraggio che avranno meglio affrontato e rappresentato il tema dei diritti umani.

Paolo Vacca