Pomigliano d’Arco – Viaggiano le parole, lasciano carta e scaffali, dialogano con i colori per raggiungere danzanti il cuore dei bambini: è una sorta di magia quella che quotidianamente si ripete a via Gandhi, nei pressi della Villa Comunale, là dove sorge “Mio nonno è Michelangelo”, uno spazio dedicato ai più piccoli, gestito dalla raggiante archeologa Maria Carmela Polisi.

Protagonista e promotrice di numerosi eventi, tutti rigorosamente incentrati sulla lettura, “Mio nonno è Michelangelo” non è certamente una libreria come tutte le altre, capace com’è di catapultarti in un mondo diverso, meravigliosamente bello, non appena si varca la soglia della sua entrata: qui, tra gli innumerevoli testi e i tanti disegni, alcuni dei quali realizzati dall’estro di chi ha appena compiuto un anno di vita, è facile tornare a sognare; qui, un futuro migliore, fatto di cittadini pensanti, avvezzi alla cultura, diventa miracolosamente un’idea semplice, non più così lontana e inverosimile.

Mio nonno è Michelangelo - piccoli lettori“Mio nonno è Michelangelo” è infatti una sorta di oasi felice dove piccoli lettori crescono, abituandosi alla curiosità e alla pazienza. «I libri, scelti da me uno per uno, permettono ai bambini di affrontare le tematiche più varie, di confrontarsi, di spalancare una finestra sulla vita – dichiara Maria Carmela ai nostri taccuini – lo scorso ottobre, ho deciso di aprire quest’attività per potere offrire ai miei figli e ai loro coetanei l’opportunità di imparare a coltivare sogni, passioni in una società dove si crede che si possa avere tutto e subito, senza alcuno sforzo e sacrificio. C’è un tempo di attesa che va rispettato. Spesso i genitori, convinti che a far da padrona sia sempre l’impazienza, si stupiscono del fatto che i bambini stiano fermi ad ascoltare ciò che un libro ha loro da dire». Già, ascoltare. Un atto che noi adulti non siamo più capaci di compiere, se non con passiva superficialità.

E, non a caso, proprio all’ascolto sarà dedicata la prossima iniziativa di “Mio nonno è Michelangelo” che, da un po’ di settimane, è alle prese con i preparativi del “Book-nic al parco 2017”: insieme a numerose librerie per bambini della Campania, nel verde della Villa Comunale adiacente alla sua bottega, Maria Carmela allestirà domani pomeriggio un vero e proprio picnic culturale, che vedrà i piccoli partecipanti e i loro genitori impegnati in letture incentrate sulla paura, la legalità, la diversità e su tanti altri temi importanti ed attuali, trattati pertanto con il giusto equilibrio tra serietà e leggerezza.

Un’occasione, dunque, per poter spronare la fantasia dei più piccoli e per poter insegnare ai grandi che, quasi sempre, bisogna proprio partire dai bambini per ritrovare la serenità e la trasparenza che alberga in noi stessi.

Anna Gilda Scafaro

CONDIVIDI
Articolo precedenteNomofobia, la paura di rimanere disconnessi
Articolo successivoBagnoli, la (s)volta buona?
Laureata in Lettere Moderne e specializzanda in Filologia Moderna presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Anna Gilda Scafaro aspira a diventare una buona insegnante e una valida giornalista. Appassionata di scrittura e amante dei libri, nutre un forte interesse per l’Arte in tutte le sue sfaccettature più belle e complicate. Sogna di visitare i più rinomati musei europei e mondiali e di viaggiare alla scoperta delle storie più arcane e affascinanti che si celano nel cuore delle grandi e piccole città. Attualmente scrive per Libero Pensiero News, occupandosi della sezione Cultura.