Spesso denominata “Special K”, o “Vitamina K”, è meglio conosciuta come droga per i suoi effetti psichedelici, ma è anche ampiamente utilizzata fin dagli anni ’60 come un anestetico di pronto intervento nelle sale di emergenza ospedaliere.

Negli ultimi 10 anni gli studi hanno dimostrato che la ketamina può essere usata per ridurre i sintomi del tipo di depressione suicida che gli antidepressivi tradizionali non possono trattare.

Nel 2010 ricercatori de giornale statunitense Archives of General Psychiatry  hanno riferito che un piccolo gruppo di pazienti in studio con disturbo bipolare resistente al trattamento tradizionale ha riscontrato un notevole miglioramento dei sintomi della depressione appena 40 minuti dopo aver ricevuto una dose e.v. (endovenosa) di ketamina. 9 dei 16 partecipanti (il 56%) che avevano ricevuto ketamina hanno mostrato una riduzione dei sintomi di almeno il 50%, mentre 2 dei 16 partecipanti (il 13%) hanno manifestato piena remissione. La risposta al farmaco si è protratta nei soggetti in esame in media una settimana.

In un piccolo studio del National Institute of Mental Health condotto nel 2006, uno dei primi in cui venne esaminata la ketamina per il trattamento della depressione, 18 pazienti furono selezionati in modo del tutto casuale per ricevere una singola dose e.v. di ketamina, o di un placebo. I ricercatori riscontrarono che i sintomi della depressione migliorarono entro 24 ore nel 71% di coloro che avevano ricevuto la ketamina, mentre il restante 29% mostrò completa recessione dei sintomi. Il 35% dei pazienti continuò a mostrare miglioramenti anche i sette giorni successivi.

Nello studio più recente, pubblicato online dalla rivista Nature nel maggio 2016, i ricercatori hanno scoperto che un particolare sottoprodotto chimico viene rilasciato quando è somministrata ketamina. Il metabolita in questione è stato iniettato in un gruppo di topi da laboratorio dimostrandosi capace di invertire i comportamenti simil-depressivi senza però innescare gli effetti collaterali anestetici, dissociativi e di dipendenza correlati alla ketamina.

“Questa scoperta cambia profondamente la nostra comprensione di come funziona questo meccanismo antidepressivo rapido e promette di sviluppare trattamenti più robusti e sicuri” ha affermato Carlos Zarate, MD dell’Istituto Nazionale di Salute Mentale (NIMH) coautore dello studio e pioniere della ricerca.

Non si sa ancora esattamente come la ketamina migliori i sintomi depressivi, ma si ritiene che riduca l’iperattività cerebrale e l’eccessiva connessione tra l’area di regolazione emotiva e le altre parti del cervello.

“L’approfondimento del meccanismo che media l’attività antidepressiva della ketamina è un passo importante nel processo di sviluppo farmacologico” ha affermato Richard J. Hodes, direttore dell’Istituto Nazionale per l’invecchiamento.

In risposta alla pubblicazione di Nature, Sara Solovitch del Washington Post ha scritto che “gli esperti stanno definendo [la ketamina] come l’avanzamento più significativo della salute mentale in più di mezzo secolo”. La giornalista ha riferito che molti centri medici accademici tra cui Yale University Università della California a San Diego, la Clinica di Mayo e la Clinica di Cleveland hanno iniziato a offrire i trattamenti con ketamina per la depressione grave.

I medici sono in grado di prescriverlo perché è un anestetico autorizzato. Si tratta, però, di un utilizzo “off label”, cioè non previsto dal foglietto illustrativo.

Gli inconvenienti della Ketamina

L’inconveniente predominante della ketamina è la mancanza di dati. Non ci sono state abbastanza sperimentazioni cliniche sul farmaco per accertarne la sicurezza oltre ad esserci una completa mancanza di informazioni sugli effetti a lungo termine del suo utilizzo.

Gli effetti della ketamina sono, inoltre, di breve durata. Per essere utilizzata come un antidepressivo efficace dovrebbe, quindi, essere somministrata regolarmente e ciò desta notevoli preoccupazione da parte dei medici viste le numerose incognite riguardo i suoi effetti secondari.

Uno studio pubblicato nel British Journal of Clinical Pharmacology include tra i possibili effetti collaterali allucinazioni e attacchi di panico, nausea, stimolazione cardiovascolare, difetti di memoria e complicazioni renali.

La ricerca necessita di fondi

Il dottor James Stone, professore senior del King’s College di Londra, ha convenuto, dicendo che gli studi suggeriscono che la ketamina riduce rapidamente i pensieri suicidi in meno di un’ora. “Sebbene sia necessaria molto più ricerca in questo settore, è uno degli aspetti più eccitanti del profilo antidepressivo della ketamina. C’è enorme interesse circa i potenziali effetti terapeutici della ketamina per la depressione grave. Nonostante il farmaco sia utilizzato ormai da decenni come anestetico, la scienza lo ha preso in considerazione come possibile trattamento per la depressione solamente recentemente” ha affermato il docente.

Migliaia di persone con depressione severa potrebbero ottenere sollievo immediato se il trattamento sperimentale con la ketamina fosse reso più ampiamente disponibile dicono gli esperti medici. Secondo i dottori dovrebbero essere istituiti più centri specializzati per esplorare gli effetti a lungo termine anche se i costi sono molto elevati.

I medici temono che il potenziale possa essere perso senza i soldi per sperimentare il farmaco. Il dottor Rupert McShane, psichiatra consulente all’ospedale di Warneford  si è detto preoccupato del fatto che senza centri specializzati di monitoraggio potrebbero essere istituite delle cliniche private non regolamentate.

Bloomfield ha invitato il Governo a sostenere le sperimentazioni: “Studi di ricerca su larga scala sono molto costosi e quindi ciò richiederebbe un grande investimento da parte del governo e / o delle organizzazioni di beneficenza.” Ad oggi la spesa per la ricerca medica per le malattie mentali è molto bassa e ciò non è un bene se in futuro ci sarà la necessità di migliorare i trattamenti.

Angela Abate

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here