Sc(Hi)acciaDCA

Il Centro per la diagnosi e la cura dei disturbi del comportamento alimentare (Cdca) della Casa di cura Palazzolo di Bergamo ha messo a punto un’applicazione in grado di fornire un aiuto concreto alle persone che soffrono di disturbi alimentari e alle loro famiglie.

L’app in questione si chiama Sc(Hi)acciaDCA ed è stata resa disponibile per dispositivi iOS e Android a partire dal 15 novembre 2016. La suddetta ha fin da subito riscosso un gran successo raggiungendo ad oggi 2621 download, 607 registrazioni e 471 interazioni.

La maggioranza degli utenti sono persone di sesso femminile. La percentuale di donne che ha scaricato Sc(Hi)acciaDCA è del 92,32%, mentre quella di uomini è del 6,66%. Il 5,64% degli utilizzatori ha chiesto aiuto ad parenti ed amici (sopratutto madri, amiche e sorelle); l’1,3% ha, invece, preferito mantenere la privacy e non specificare il proprio sesso.

Il direttore generale del Cdca Edoardo Manzoni ha così commentato il successo di Sc(Hi)acciaDCA: «Questi dati dimostrano l’utilità di uno strumento come Sc(Hi)acciaDCA, che consente a chi soffre di questi disturbi di confrontarsi e ricevere informazioni competenti, uscendo dalla vergogna e abbandonando falsi miti, e al tempo stesso, consente ai professionisti di intercettare un target ben preciso, fornendo un supporto immediato che non sostituisce la riabilitazione, ma che la facilita.»

Essendo un’app basata sulla community è prevista una registrazione. Per utilizzare Sc(Hi)acciaDCA bisogna semplicemente inserire un nickname e il proprio indirizzo mail. Ulteriori informazioni sono facoltative e possono anche essere omesse in modo da garantire la privacy assoluta.

Una volta effettuata l’iscrizione è possibile leggere maggiori informazioni sui disturbi alimentari come bulimia e anoressia, chiedere maggiori informazioni su come combatterli e sul percorso da intraprendere per farlo, ricevere sostegno e orientamento in caso di necessità e confrontarsi con il personale del Cdca. Molti utenti hanno preso contatti con il personale del Cdca attraverso l’app e attualmente sono in carico al centro presso il quale stanno ricevendo il dovuto supporto.

Per maggiori informazioni visitare il sito http://www.schiacciadca.it/ e/o la pagina Facebook @dcaistpalazzolo

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiardino della Minerva, restyling da 30mila euro
Articolo successivoComune di Napoli, il crack è vicino?
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.