Sono sempre più gli utenti di WhatsApp che lamentano di aver ricevuto catene di Sant’Antonio o altri tipi di messaggi da aziende ignote col il fine di truffarli. Per far fronte al problema il gruppo Facebook  ha introdotto delle importanti novità nella nota applicazione di messaggistica istantanea di sua proprietà.

Zuckenberg e soci sembrerebbero intenzionati a testare i profili business. A partire dal prossime settimane sarà disponibile un aggiornamento che prevederà, oltre ai soliti miglioramenti, la nuova funzione Whatsapp for Business Le aziende potranno iscriversi a WhatsApp ed essere riconosciute dagli utenti attraverso le spunte di certificazione, ossia delle spunte di colore verde che appariranno accanto al nome o numero di telefono.

Le spunte verdi già introdotte da tempo su Facebook, Instagram e Twitter per indicare che il profilo aziendale è verificato e che i messaggi di assistenza e sponsorizzazione di servizi e prodotti sono gestiti dal social network saranno, quindi, presenti anche su Whatsapp.

Le aziende che effettueranno l’iscrizione a WhatsApp avranno l’obbligo di inserire i propri dati in modo da certificarne l’autenticità. Stando ad alcune indiscrezioni apparse sul sito di Optima Italia le chat tra normali utenti e account aziendali si distingueranno per la presenza di uno sfondo di colore giallo e di una nuvoletta contenente un messaggio simile a quello attualmente appare per avvisare che la conversazione è protetta da crittografia end-to-end.

Il nuovo servizio introdotto avrà lo scopo di verificare i contatti aziendali aiutando così l’utente a difendersi dalle celebri truffe che li invitavano ad inviare messaggi ai propri contatti per ottenere sconti o regali, ma che in realtà miravano a copiare illegalmente i numeri salvati in rubrica. Si auspica che questa nuova introduzione renda più sicura una delle applicazioni più utilizzate al mondo e che aiuti a prevenire una volta per tutte i tranelli online.

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Demiurgo Shakespeare Company rivisita a Caserta “Il mercante di Venezia”
Articolo successivoJean Rhys e la narrazione dell’altro

Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.