Thomas Ouwejan AZ Alkmaar giovane terzino

L’Eredivisie è arrivata alla quinta giornata e le inseguitrici del Feyenoord si fanno sempre più vicine alla vetta. Oltre ad un meraviglioso PSV Eindhoven, in terza posizione troviamo l’AZ Alkmaar, squadra di una cittadina poco lontana da Amsterdam.

Protagonista di questa cavalcata verso il terzo posto del campionato olandese è stato sicuramente il giovane terzino sinistro Thomas Ouwejan, il quale è cresciuto nelle giovanili dell’AZ Alkmaar ed ora sta contribuendo a renderlo vincente.

Risultati immagini per Thomas OuwejanClasse 1996 e originario di Amstelveen, il giovane Thomas Ouwejan comincia la sua carriera agonistica proprio nella squadra in cui milita tuttora, con il quale riuscirà anche a venire convocato in Nazionale in ben più di un’occasione. Ragazzo con doti tecniche elevate, nasce come terzino sinistro votato anche alla fase offensiva, ma nel corso degli anni è riuscito ad adattarsi a ricoprire diversi ruoli della difesa e del centrocampo, aiutato dal metro e ottanta di statura e da una furbizia calcistica da non sottovalutare. In Nazionale Under 21, Thomas Ouwejan ha ottenuto quattro convocazioni durante le qualificazioni agli Europei, per un totale di 2 assist in 346′ minuti in campo. Ragazzo molto sveglio e attento alle direttive del proprio mister, è riuscito a migliorarsi in maniera esponenziale durante l’arco della sua carriera, dando una mano anche da mediano davanti alla difesa e da puro centrale di centrocampo, come avesse sempre ricoperto anche quel ruolo.

L’AZ Alkmaar ha puntato molto sul giovane talento olandese, sottoscrivendo quest’estate con il giocatore un rinnovo che scadrà nel 2020, dando fiducia al ragazzo e soprattutto scommettendo su uno dei terzini sinistri più promettenti del panorama calcistico olandese, che si sta riprendendo pian piano dopo anni “al buio”, in cui il livello medio era calato e ben poche squadre arrivavano in fondo alle competizioni europee.

L’AZ Alkmaar e il giovane terzino Thomas Ouwejan lotteranno quest’anno per conquistare il trono dell’Eredivisie; ed adesso sono aggrappate a 12 punti insieme al PSV Eindhoven e al Feyenoord campione uscente. Dopo queste poche giornate è difficile prevedere come potrà andare a finire, ma l’AZ sembra aver trovato una “quadratura del cerchio” che sembra dare più solidità e garanzia di prestazioni rispetto alle concorrenti, avvantaggiandola nella rincorsa al titolo.

Niccolò Inturrisi

CONDIVIDI
Articolo precedenteFederico Chiesa: come Enrico, più di Enrico
Articolo successivo“Il buio oltre la siepe” di Harper Lee: la storia infinita di un pregiudizio

Nasce il 26 febbraio 1995 a Firenze, dopo aver terminato gli studi liceali nel 2015 lascia l’Italia e si trasferisce con la famiglia in Olanda, ad Amsterdam. Ora continua a lavorare come magazziniere in attesa di intraprendere gli studi. Il libro che lo ha colpito più di tutti è stato “La bestia umana” di Zola. Se proprio gli chiedessero di scegliere un autore preferito, opterebbe però per Dostoevskij. Coltiva molte altre passioni, tra cui la musica, nella quale si è cimentato per qualche anno suonando chitarra elettrica e basso. Ascolta tutti i generi possibili e il suo gruppo preferito in Italia restano gli Zen Circus, anche se adora De Andrè e Lucio Dalla (ma ne potrebbe citare molti altri), ma il suo primo amore rimangono i Pink Floyd. Grazie alla famiglia si porta dietro praticamente da tutta la vita la passione per il cinema. Adora Fellini e Monicelli, ma non disdegna anche registi esteri come Lynch, Scorsese e Tarantino.