La prevenzione del cancro è da sempre uno dei grandi obiettivi della medicina moderna. Oggigiorno grazie ai notevoli progressi in campo medico per molte forme di questa malattia è stato possibile ottenere la guarigione completa, mentre per altre ancora non si hanno a disposizione trattamenti di una certa efficacia.

Nella lotta contro il cancro la diagnosi tempestiva assume un ruolo di prim’ordine: prima viene diagnosticato tanto prima si può intervenire con cure efficaci. Diagnosticare un cancro non sempre, però, è impresa facile. Per far fronte al problema il Consorzio di ricerca Luigi Amaducci in collaborazione con l’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche, Università di Padova, Istituto Oncologico Veneto e l’azienda Openview ha messo a punto l’applicazione ‘A third less’ con l’obiettivo di sconfiggere il cancro tramite la prevenzione.

‘A third less’ è un’app per smartphone che fornisce agli utenti informazioni utili sulle attività da svolgere e l’alimentazione da seguire per prevenire il cancro. Esercizi fisici e mangiare sano possono, infatti, essere un ottimo alleato per evitare tumori nel corso della propria vita e per questo i medici consigliano uno stile di vita salutare.

‘’Le scelte nutrizionali possono influenzare la formazione del cancro a diversi livelli, ad esempio interferendo nella proliferazione, differenziazione e morte delle cellule, nell’espressione degli oncogeni e degli oncosoppressori. Anche una regolare attivita’ fisica sembra associata a un ridotto rischio di tumori del colon e della mammella e a una diminuzione del rischio per prostata, polmone e utero.’’ ha spiegato  Stefania Maggi dell’In-Cnr, una delle coordinatrici del progetto.

Una volta effettuata l’iscrizione ogni utente dovrà creare un proprio avatar e inserire informazioni in merito alle proprie abitudini alimentari e sport che pratica. Giornalmente si dovrà tenere un proprio diario personale in cui vengono indicati i cibi che si assumono e l’attività fisica che si svolge e nel caso ci sia qualcosa che non vada ‘A third less’ avviserà l’utente indicando gli errori commessi.

L’applicazione dispone, inoltre, di altre notevoli funzionalità. Essa attraverso l’ausilio di video spiega all’utente quali sono i cibi da assumere, come cucinarli e quali sono gli esercizi fisici da svolgere giornalmente e dispone anche di una piattaforma web e di un blog nei quali vengono fornite maggiori informazioni da parte degli altri utenti. L’obiettivo degli ideatori di ‘A third less’ è che questa app diventi uno strumento utile per migliorare lo stile di vita degli utenti favorendo così la prevenzione oncologica. Si auspica che riescano nel loro prestigioso intento.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedente“Ero straniero”, una sfida per vincere l’immigrazione
Articolo successivo«Istruirsi in carcere si può: io ce l’ho fatta!»

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.