Hirving Lozano PSV Eindhoven messicano todocampista
Hirving Lozano PSV Eindhoven messicano todocampista

Il campionato olandese è arrivato alla decima giornata, in un clima di tensione e sorpresa che ha accompagnato i risultati del nono turno di Eredivisie e che sembrano aver confermato il rendimento crescente di alcune formazioni in corsa per il titolo.

L’Ajax si conferma in un periodo più che positivo, battendo i campioni in carica del Feyenoord a Rotterdam: i Lancieri passeggiano sulla formazione di G. van Bronckhorst imponendosi per 4 a 1 e portandosi a soli 5 punti dal PSV Eindhoven. Proprio lo stesso PSV che si conferma prima forza del campionato, con l’ultima sconfitta registrata il 10 di settembre; da quel momento, cinque vittorie consecutive con una media di più di 2 gol a partita.

Merito di questi risultati, un vivaio giovane ma molto ben integrato, che ha saputo lavorare durante il corso dell’estate per migliorare alcune lacune che erano insorte durante l’ultimo periodo della passata stagione.

Uno dei talenti in questione è Hirving Lozano, classe 1995 di Città Del Messico. Lozano ha iniziato la sua carriera agonistica con il CF Pachuca, squadra di prima divisione messicana, per poi essere ceduto al PSV Eindovhen durante la scorsa sessione di mercato.

Risultati immagini per Hirving lozano

Destro naturale, ha potuto sviluppare nel corso dei suoi anni una straordinaria velocità in progressione, riuscendo a confezionare un considerevole numero di assist per i compagni durante l’arco delle stagioni. Fiuto del gol e un atteggiamento da vero ”todocampista”, lo hanno portato a svariare su tutto il fronte offensivo, mitigando i numerosi inserimenti in area con percussioni soliste dalla trequarti. Con la maglia dello storico club di Pachuca, il giovane Hirving Lozano ha giocato 140 partite, mettendo a referto 48 gol e 32 assist.

Numeri da leggere al netto dei cartellini gialli (19) e delle espulsioni (6) che ha ricevuto durante le stagioni in Primera División; a sottolineare un temperamento impetuoso, che sembra aver saputo calmare e dosare da quando si è trasferito ad Eindhoven in maglia bianco-rossa. In Olanda, il giovane messicano classe ’95, si è saputo integrare con uno spogliatoio giovane, che i dirigenti del PSV Eindhoven hanno saputo costruire a dovere durante il corso della sessione di mercato estiva.

La carriera in Nazionale di Hirving Lozano è iniziata nel 2015 vestendo la maglia dell’Under 20 messicana, segnando 6 gol in 9 partite. Successivamente, si è preso il numero 17 della Nazionale maggiore da febbraio 2016, giocando 19 partite con 3 gol all’attivo.

Con la maglia del PSV Eindhoven, il giovane messicano ha dato il suo contributo ad un inizio di stagione strabiliante per la squadra di Cocu: 7 gol e 4 assist in 564 minuti totali, una media di un gol ogni 81 minuti in Eredivisie che sottolineano il talento del giovane ragazzo messicano. Durante gli anni trascorsi al CF Pachuca, Hirving Lozano ha saputo sviluppare delle doti da ”todocampista”, lavorando e provando a giocare in diversi ruoli del reparto offensivo, dal trequartista alla mezz’ala; dal centrale di centrocampo a fare la fascia opposta senza batter ciglio.

La squadra di Philippe Cocu si avvicina alla decima giornata di Eredivisie, in cui incontrerà il Vitesse attualmente terza forza del campionato. Con l’Ajax in un buon periodo di forma a soli cinque punti, sarà fondamentale una vittoria per la squadra di Eindhoven ma non sarà così semplice arrivare a strappare i tre punti ad un club che non ha niente da perdere e che giocherà anch’essa sull’onda dei risultati positivi ottenuti.

Niccolò Inturrisi

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteFrances Alina Ascione: «Ora canto quello che ho dentro»
Articolo successivoA Salerno bisogna “fermare il mostro”: le Fonderie Pisano

Nasce il 26 febbraio 1995 a Firenze, dopo aver terminato gli studi liceali nel 2015 lascia l’Italia e si trasferisce con la famiglia in Olanda, ad Amsterdam. Ora continua a lavorare come magazziniere in attesa di intraprendere gli studi. Il libro che lo ha colpito più di tutti è stato “La bestia umana” di Zola. Se proprio gli chiedessero di scegliere un autore preferito, opterebbe però per Dostoevskij. Coltiva molte altre passioni, tra cui la musica, nella quale si è cimentato per qualche anno suonando chitarra elettrica e basso. Ascolta tutti i generi possibili e il suo gruppo preferito in Italia restano gli Zen Circus, anche se adora De Andrè e Lucio Dalla (ma ne potrebbe citare molti altri), ma il suo primo amore rimangono i Pink Floyd. Grazie alla famiglia si porta dietro praticamente da tutta la vita la passione per il cinema. Adora Fellini e Monicelli, ma non disdegna anche registi esteri come Lynch, Scorsese e Tarantino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here