Samsung Wemogee, un prezioso alleato per chi soffre di afasia

L’afasia è un disturbo del linguaggio dovuto all’alterazione dei centri e delle vie nervose superiori che consiste nella difficoltà di esprimersi e comprendere il linguaggio scritto e verbale che si manifesta generalmente dopo un trauma cranico, ictus, tumore o malattie neurologiche. Una persona affetta da tale patologia fatica a parlare, leggere, scrivere e fare calcoli e, pertanto, ad avere relazioni.

In supporto alle persone afasiche Samsung Electronic Italia in collaborazione con Leo Burnett, Elio Clemente Agostoni del dipartimento neuroscienze dell’ospedale Niguarda di Milano e la docente dell’Università degli studi di Milano Francesca Polini ha messo a punto l’applicazione per dispositivi Android e iOS Samsung Wemogee.

L’app in questione è stata presentata il 21 ottobre in occasione della decima Giornata nazionale dell’afasia, ma è già da tempo disponibile in 11 lingue ad oggi vanta di 14000 utenti da tutto il mondo. L’obiettivo degli sviluppatori è rendere la comunicazione più agevole per chi soffre di afasia facilitando loro i rapporti con le altre persone.

Samsung Italia ha scelto il nome Wemogee perché l’applicazione da loro sviluppata si basa sull’utilizzo delle emoji. Gli utenti avranno a disposizione 140 frasi comuni da scegliere e potranno farlo soltanto mediante l’ausilio di strumenti visivi: le persone afasiche selezionano le emoji che fanno al caso loro e queste verranno tradotte in un testo scritto che potranno leggere i loro parenti e amici che non soffrono della patologia.

Il fine dei fautori di questa applicazione a facilitare la reintegrazione sociale per chi soffre di afasia. L’app non solo permette agli afasici di comunicare tra loro, ma diviene un vero e proprio strumento di messaging a distanza tra tutti. La tecnologia si propone ancora una volta come strumento in grado di abbattere qualsivoglia astratta barriera.

Per maggiori informazioni visitare il sito: http://www.wemogee.com/it

Per scaricare l’app:

  • Google Play Store: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.wemogee.app
  • App Store: https://itunes.apple.com/it/app/wemogee/id1229692417

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteVerso il Forum Day 2017 con un ospite d’eccezione
Articolo successivoGiannis Antetokounmpo e la stagione della consacrazione

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here