Allarme ThisCrush, da social network a veicolo di cyberbullismo

ThisCrush è un social network che consente agli utenti di postare messaggi del tutto anonimi sulla bacheca dei propri amici pensato per aiutare i ragazzi a dichiararsi alla persona amata. Il nome, infatti, deriva dall’inglese e letteralmente significa ‘’questa cotta’’.

Il funzionamento è molto simile a quello di altre applicazioni più note come Ask, Sarahah e Whisper, ma nel caso di ThisCrush non è possibile né  rispondere ai messaggi postati sul proprio profilo né bloccare gli altri utenti. E’ proprio grazie a questa sua particolarità che questo social spesso viene utilizzato nella maniera meno opportuna, ossia come veicolo di messaggi offensivi e molto spesso denigratori nei confronti dei propri coetanei che, ahimè, non possono  difendersi dalle offese ricevute.

Sono sempre più i cosiddetti cyberbulli che utilizzano il social network per prendere di mira gli altri ragazzi postando messaggi inadeguati e nel peggiore dei casi minacce. Il primo a denunciare il fenomeno è stato il dottor Luca Pisano, psicoterapeuta supervisore dell’Osservatorio Nazionale Cybercrimine che sul proprio profilo Facebook ha postato il seguente messaggio: ” Si è notato che nel corso degli ultimi mesi ThisCrush, app in voga nel mondo adolescenziale sta proliferando tanto, ma  soprattutto per diffamare e scrivere messaggi di insulti verso i propri interlocutori.”

È per questo motivo che Pisano consiglia ai genitori di iscriversi al social network in questione comprenderlo a pieno in tutte le sue dinamiche in modo da poter monitorare l’attività dei propri figli e aiutarli in caso di necessità segnalando i contenuti offensivi e a sfondo sessuale.

Un gruppo composto da 250 genitori ha formato il team ‘’genitori digitalizzati’’ col fine di tutelare i propri ragazzi seguendo a pieno il consiglio del dottor Pisano. ThisCrush è, infatti, molto diffusa tra i ragazzi di età compresa tra i 12 e i 15 anni, ignari dei pericoli e dei danni che possono incombere utilizzando questa piattaforma.

È proprio l’innocenza e l’inesperienza a portare i giovanissimi ad essere vittime della rete o meglio di chi la utilizza in maniera poco opportuna. Spesso social o app pensati per tutt’altro possono divenire un pericolo per gli utenti, specie se adolescenti. In questi casi un aiuto esterno può rappresentare una soluzione al problema.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNeonazisti contro sé stessi: le nuove frontiere dell’odio
Articolo successivoStranger Things 2: il meglio del panorama televisivo attuale

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here